lunedì 4 dicembre 2017

Il ritorno di un fantasma

**Attenzione spoiler sulla puntata 12 della terza stagione di Outlander**

La protagonista di Outlander parla del bagno di sangue.

Dimenticatevi de 'Le Nozze Rosse'. Avete mai visto qualcosa di più spaventoso de 'Il Bagno Rosso'?
Nell'episodio di domenica di Outlander, Geillis Duncan (Lotte Verbeek) è tornata a far parte della storia in un modo molto orribile: uscendo letteralmente da un bagno di sangue. (Complimenti alla regista Charlotte Brändström per come ha filmato la gamba della Verbeek in stile Mrs. Robinson mentre emergeva dalla piscina con il giovane Ian seduto lì davanti a occhi spalancati.) Ho chiesto all'attrice olandese, che era stata vista l'ultima volta mentre attraversava le pietre alla fine della stagione 2, di raccontarci come ha dato vita al suo ritorno cremisi.

Com'è stato quel vero e proprio bagno di sangue?
L'hanno riscaldato a temperatura ambiente. Dopo un paio di riprese, anche la mia pelle stava diventando rossa e anche la mia faccia, perché scalda davvero. Era anche molto scivoloso, il che rendeva difficile uscire dalla vasca senza cadere di faccia e poi camminare verso il giovane Ian in questo modo predatorio e sensuale. Volevo solo evitare di cadere e scivolare. Ma mi sono divertita molto perché era un concetto davvero interessante, questa combinazione di inquietudine e bellezza. E non ho mai visto nessuno completamente coperto di sangue. E' stato interessante osservare l'effetto sulla mia pelle e come è sceso quando sono uscita.

Di cosa era fatto?
Qualcosa di innocuo, a quanto pare. Doveva essere qualcosa di simile ad una tonta colorata mista a glucosio, o comunque una sostanza dolce, simile a sciroppo. Perché non solo deve avere il colore giusto, ma deve anche avere la giusta densità. Doveva sembrare realistico. Hanno fatto un lavoro fantastico, ma pensavo all'ordine: "Ordiniamo 500 galloni di sangue finto e lo scaldiamo".

Ricapitoliamo: quindi quando sei tornata nel passato attraverso le pietre alla fine della stagione 2, il tuo obiettivo era salvare la Scozia, giusto?
Sì. Questa è sempre stata questa l'idea. Ma ora che abbiamo trovato Geillis nei panni di Mrs. Abernathy in Giamaica e ovviamente molti anni dopo, la cosa non ha funzionato. Quindi attualmente si sta accontentando di sapere quando arriverà il re scozzese. A questo punto, potrebbe non accadere durante la sua vita. Quindi c'è anche una tristezza per questo suo grande sogno. Voleva cambiare il corso della storia. Non è successo.

Geillis è davvero cattiva?
Sì, decisamente. Questo è stato un grande cambiamento per me. Non credo tanto nel bene e nel male. Ho la sensazione che tutti abbiamo forze opposte dentro di noi, e Geillis è esattamente questo. Sappiamo che ha ucciso suo marito, ma non la vediamo mai davvero nell'atto di uccidere. Quindi penso che in un certo senso questo abbia aiutato il pubblico a relazionarsi con lei, o almeno a crederle. Ma in questa stagione, all'improvviso uccide dei ragazzini. E fa il bagno nel sangue che dice essere sangue di capra. Ma forse è di uno dei ragazzi. E così, all'improvviso, diventa una sfida ancora più grande convincere la gente a relazionarsi con me. In questa sequenza, lei è impazzita, come se il tempo le avesse chiesto lo scotto e ora sta perdendo la ragione.

Le piace davvero Claire?
Oh, penso di si. Non ci sono molte opzioni per le amicizie femminili. E, sai, alla fine lei è sola anche nella scena della festa. Lei è una persona che spicca. Non è il tipo da andare in giro con gli amici. Si prende cura dei suoi affari e poi se ne va. Per me è sempre stato chiaro questo con Claire, è una compagnia.

Geillis ha bisogno delle pietre preziose per attraversare le pietre, giusto?
Si. Crede di averne bisogno e di aver bisogno di fare anche un sacrificio di sangue. E' così che lo fa lei.

Ci saranno conversazione sul perché lei e Claire siano le uniche a poter viaggiare nel tempo?
No. Ufficialmente non se ne parla mai davvero, non penso. E' così e basta. Sono personaggi di Outlander. Ma dovrebbero davvero parlarne. Penso che sia perché alcune donne hanno dei superpoteri.

E' stato facile per te imparare l'accento scozzese?
Non direi che sia stato super facile. Ne ero piuttosto consapevole. Non credo di aver nemmeno capito come farlo mentre facevo l'audizione per la parte. Anche per i britannici che sono tipicamente molto bravi con gli accenti, è piuttosto difficile da padroneggiare. Ho pensato, come faccio essendo di lingua olandese? Ma abbiamo avuto un incredibile insegnante che è stata nello show per tutto il corso delle tre stagioni. Quindi, ogni volta che tornavo nello show, lei era sempre lì. Quello che mi ha aiutato stando in Scozia è stata l'avere un autista con un accento davvero marcato. Mi sedevo in macchina per 45 minuti parlando con qualcuno che riuscivo a malapena a capire. Lentamente, nel corso dei giorni, mi ci sono abituata. 


Ti sei unita al cast di Counterpart, il nuovo thriller di Starz. Qual è il tuo ruolo e sei fissa nella serie?
No. Ho una serie di episodi nella prima stagione. Interpreto un personaggio misterioso ed ho un piano malvagio. Devo dire che non ho ancora visto nulla ed è stato qualche tempo fa.

Parlami di The Book of Vision, il film a cui hai appena finito di lavorare in Europa.
E' stato come tornare da dove ho iniziato. Interpretavo un doppio ruolo: una donna del tempo presente e una dama del XVIII secolo. E' un film un po' storico, un po' misterioso, su questa donna che affronta la sfida della sua vita. Si trova incinta e ha la leucemia. Per prendere una decisione su come andare avanti nella vita, inizia a visionare questo libro scritto nel 18° secolo da questo dottore quando la scienza medica stava cambiando molto. E leggendo le storie delle persone di quel tempo, prende la sua decisione. Interpreto una donna moderna e una donna nel 18° secolo, bloccata in un matrimonio infelice che vive in un gigantesco castello. E' diretto da Carlo Hintermann e prodotto da Terrence Malick.

Il tuo personaggio Katarina Rostova è stato ucciso in The Blacklist?
Non penso che mi vedrete mai morire, vero?


[x]

0 commenti: