venerdì 14 dicembre 2018

Diana Gabaldon e il Nuovo Anello di Claire

L'autrice di Outlander, Diana Gabaldon, vede il nuovo anello di Claire come un modo di "scusarsi" dello show nei confronti dei lettori

"Ho pensato fosse molto intelligente il modo in cui è stato fatto", dice.


La quarta stagione di Outlander inizia con un cerchio: "Da secoli, l'umanità è profondamente affascinata dalle forme circolari attribuendo loro significati nascosti. Dall'infinita rotazione dei pianeti attorno al sole, al movimento delle lancette, alle fedi nuziali", dice Claire a voce bassa. "Ed io, piu' di chiunque altro, so bene quanto un cerchio possa diventare questione di vita... o di morte."
Mentre la telecamera esegue la panoramica su un cappio, è chiaro che la forma continuerà a rappresentare un tema in tutto questo arco di episodi. Solo poche scene dopo, quando Claire e Jamie aiutano Stephen Bonnet a fuggire, il contrabbandiere condivide i suoi pensieri sulle doppie fedi nuziali di Claire, una del suo matrimonio con Frank e l'altra del suo impegno nei confronti di Jamie. "Non sono mai stato sposato", dice Bonnet. "Ma ho sempre avuto un debole per gli anelli. C'e' qualcosa nell'idea di un cerchio infinito che mi affascina."
Alla fine dell'episodio, Bonnet si prende cura di quella debolezza, rubando l'anello di Claire datole da Jamie mentre rapina i Frasers con la sua banda di ladri.
Ma alcuni fan dei libri non sono mai stati entusiasti di quell'anello, dato che rappresentava una grande svolta rispetto ai romanzi di Diana Gabaldon. Nel testo, l'anello di Claire è descritto come caratterizzato da un "decoro intrecciato delle Highlands, con incisi piccoli fiori di cardo stilizzati".

Ed è proprio quell'anello, realizzato in argento da Murtagh dal candelabro della madre di Jamie, che vediamo Claire ricevere nel sesto episodio, in sostituzione di quello che Bonnet ha rubato.
La Gabaldon è una fan della soluzione trovata dello show.
"Ho pensato fosse molto intelligente il modo in cui è stato fatto. Ha funzionato molto bene con la trama che stavano seguendo, in quel particolare momento", ha detto la Gabaldon a T&C durante un'intervista all'inizio di quest'anno.
"Ho pensato che fosse un po' il loro modo di scusarsi con i lettori che erano arrabbiati per il primo anello, dando loro un anello che assomigliava molto di più a quello che si erano immaginati."
Speriamo che le scuse vengano accettate.

[x]

giovedì 13 dicembre 2018

Outlander S4: Intervista a David Berry

David Berry di Outlander ammette che John Grey potrebbe essere sempre innamorato senza speranza di Jamie
Il nuovissimo episodio di Outlander di domenica ha portato ai fan un’inaspettata reunion quando Lord John Grey (David Barry) è arrivato a Fraser’s Ridge. La Giubba Rossa viaggiante ha trovato la strada per la nuova casa di Jamie (Sam Heughan) e Claire (Caitriona Balfe) sul suo cammino verso nord.
Mentre Jamie era contento di rivedere il suo vecchio amico, Claire non era entusiasta di vedere l’ex custode della prigione nel suo capanno – specialmente una volta compreso che aveva portato il figlio biologico di Jamie con sé. Le cose diventano più complicate quando John prende il morbillo prima che lui e il giovane William possano partire, costringendo Jamie a portare via suo figlio in quarantena e Claire a passare alcuni giorni da sola con l’uomo di cui conosce i sentimenti nascosti per suo marito e mantiene ancora uno stretto legame con Jamie che lei non potrebbe mai comprendere.
Tra attacchi di febbre e zuppe per John Grey, Claire e il Lord Inglese hanno potuto parlare apertamente e onestamente dei loro rispettivi legami con Jamie e trovare un punto in comune nella loro reciproca gelosia. Il morbillo avrebbe potuto costare la vita a John, ma questo aiuta anche lui e Claire a raggiungere una migliore comprensione l’uno dell’altra.
Alla fine dell’episodio, John si allontana nel tramonto con Willie mentre Jamie e Claire riprendono la loro vita lavorando la terra. Tv Guide ha parlato con David Barry della tesa discussione tra John e Claire e della conseguente soluzione – e di cosa ciò significa per il legame di John con entrambi i Fraser andando avanti. Guardate cosa ha detto nel seguito!

Qual era lo scopo di John durante la visita ai Fraser? Lui ammette di provare dei sentimenti per Jamie, ma voler vedere Jamie si traduce nel fatto che ha ancora la speranza che potrà esserci una relazione fisica?
David Berry: Oh, no. No, no, no. Non la penso così. Al ballo, e lui lo ha detto, Lord John arriva con l’aspettativa che Jamie possa avere una relazione con lui, ma fisica assolutamente no. Io penso che provi dei sentimenti per lui, e vuole vedere Jamie e via dicendo, e questo potrebbe essere uno stimolo per lui per essere lì. Ma penso che ci sia anche una ragione profondamente compassionevole per lui nell’essere lì, che è, come dice piuttosto esasperato, permettere a Jamie di vedere suo figlio e a [Willie] di vedere Jamie, sebbene, a sua insaputa, Jamie sia il suo vero padre.
E pensi che John non fosse per nulla preoccupato che permettere a Jamie di vedere Willie avrebbe potuto innescare il desiderio di Jamie di essere più presente nella vita di Willie?
Berry: Non so se possa essere. Penso che l’unica preoccupazione che potrebbe avere è che William possa scoprire che Jamie è il suo vero padre, e l’effetto che questo potrebbe avere sul bambino. E naturalmente, cosa direbbe John? Penso che lui sappia che è egoista da parte sua. Cosa succederebbe se dovesse scoprire la verità? Ma non penso che questo guidi Lord John. Sta pensando a lungo termine. Sta pensando oltre. A un certo punto della vita di questo bambino, potrebbe rivelargli che Jamie è il suo vero padre. Penso che questa sia la sua speranza segreta, che loro possano avere un legame, William e Jamie.
Cosa pensi del rapporto tra John e Jamie, e del legame speciale che hanno, del tipo che accende un po’ di gelosia in Claire?
Berry: È un’amicizia molto speciale. Penso che questi uomini sappiano esattamente cosa è. John non ha intenzione di intervenire. Jamie ovviamente non ha intenzione di intervenire. Ma, la relazione trascende in qualche modo i sentimenti romantici… Jamie la considera come un legame speciale nella sua vita che non è importante come la sua relazione con Claire, ma c’è. E questo certamente lo porta ad avere sentimenti in conflitto, con Claire, con sé stesso, con i regolatori, e con la sua stessa gente, e così via. E lui ha questa relazione, un’amicizia con una Giubba Rossa, e penso che questo porti al cuore del personaggio [di John]. È un uomo molto compassionevole e altruista. Nonostante i suoi sentimenti, è capace di comportarsi in modo da mantenere questa amicizia che, penso, percepisce abbastanza altruistica ed è menzionata con Jamie, ma non penso che sia in nessun modo unilaterale. Penso che anche Jamie ne abbia molto.
È stato bello vedere John e Claire giungere a una sorta di comprensione in questo episodio. Pensi che sarebbero stati in grado di arrivare a quel punto se la sua vita non fosse stata in bilico e lei non si stesse prendendo cura di lui e tenendolo in vita?
Berry: Magari se avessero bevuto un po’ di più, avessero avuto una notte difficile, e qualcosa altro fosse successo, avrebbero potuto. Penso che sia un aspetto molto positivo che attraverso questo trauma condiviso che questa esperienza davvero intima attraverso cui sono passati – John è sull’orlo della morte e Claire lo sta curando per rimetterlo in salute – per John essere molto favorevole in quel momento. Questo è insolito per lui perché è uno che gioca sempre con le sue carte estremamente vicine al petto, penso. Quello che passano è un catalizzatore per [John e Claire] per avere quella dolce intimità alla fine dell'episodio, dove entrambi hanno un'ammirazione l'uno per l'altro, credo, e un profondo rispetto reciproco. Claire lascia John con quel regalo di addio dicendo "Vi meritate l'espressione di soddisfazione sul vostro viso", che fondamentalmente è ti meriti la felicità nella vita, che è qualcosa che John ha sempre desiderato ardentemente sentire.
Pensi che quella conversazione, quella comprensione potenzialmente permetta a John di passare oltre questa infatuazione un giorno?
Berry: Questa è la natura dell’infatuazione. Penso che sia possibile… Sicuramente fa una grossa seduta terapeutica con Claire, e questo potrebbe aiutarlo a superare la sua infatuazione per Jamie… Ma Claire gli chiede verso la fine dell’episodio, “Provate ancora qualcosa per lui?” e John dice “Dio mi aiuti, si.” E penso che questo sia un peso e una cosa che lui vuole sopportare. Può vivere con questa infatuazione per Jamie, o con i suoi sentimenti per Jamie, ma potrebbe essere in grado di trovare la felicità nonostante questi sentimenti.
Cosa potrebbe significare per John poter crescere il figlio di Jamie? Questo esaudisce il suo desiderio?
Berry: Sa di avere una parte di Jamie, e ce l’ha, nel senso che ha ottenuto la completa fiducia di Jamie, e crescere suo figlio, che è una delle cose più care della sua vita per lui. Non può esserci conferma più grande di un’amicizia o della fiducia di qualcuno che essere custode della cosa che essi tengono più cara. Perciò, penso che Lord John sia molto grato di questo, e realmente consapevole che si tratta di qualcosa che Jamie gli ha affidato, e questo significa molto per la sua amicizia.
Come sembra andare avanti la relazione di John con i Fraser? So che compare in diversi libri. Perciò, hai qualche idea su questo?
Berry: Lord John è come il migliore amico perfetto, siamo onesti, a parte nutrire alcuni sentimenti per lui. E questo è ok, ma lui può affrontarlo. Non è inquietante per loro, non penso. C’è quando hai bisogno di lui. Si presenta quando hai più bisogno di lui, come ha fatto per i Fraser nel corso del tempo, e per Jamie, in particolare. Proprio quando le cose si stavano mettendo peggio, lui c’è per i Fraser come il miglior amico che è. Perciò, è ovvio che questa sarà probabilmente la sua relazione con i Fraser andando avanti, essendoci quando hanno più bisogno di lui.
(X)

sabato 8 dicembre 2018

Outlander S4: Intervista Sophie Skelton

Sophie Skelton di Outlander sulla decisione rischiosa di Brianna
La quarta stagione di Outlander è decisiva per Brianna Fraser, che è stata costretta a crescere velocemente in maniera allarmante dopo la perdita di Frank, l’uomo che lei credeva fosse suo padre; dopo aver realizzato che il suo padre biologico è uno scozzese del diciottesimo secolo, poi essere essenzialmente orfana quando sua madre Claire viaggia indietro nel tempo per riunirsi a lui. L’episodio di questa settimana “Savages”, vede Brianna prendere la decisione di attraversare lei stessa le pietre con in mente un obiettivo molto specifico: salvare i suoi genitori dall’incendio che, secondo gli archivi, li ucciderà entrambi nel 1776.
“Sento che questa è la stagione in cui Brianna diventa veramente Brianna,” ha detto Skelton a ELLE.com prima della premiere della stagione quattro. “Ne passa molte, matura molto, e penso che quello che attraversa realmente la addolcisce come personaggio.” Una delle principali ragioni per cui Skelton era interessata al ruolo, ha detto, era a causa dell’arco narrativo di Brianna in Tamburi d’Autunno, il libro di Outlander sul quale si basa questa stagione. “C’era molta più responsabilità, nel fatto che Brianna regge molto della seconda parte della stagione, ed è stato davvero bello. Abbiamo interpretato una versione adolescente, più rigida, più impertinente di Bree, ma ci sono molti più elementi di lei in questa stagione, ed è stato bello mostrare la donna che diventa.”
Di seguito, Skelton parla con ELLE.com dello scontro tra Bree e Roger nell’episodio 3, della decisione di Bree di attraversare le pietre, e della sua imminente reunion con Jamie.
Perché Bree ha rifiutato la proposta di Roger nell’episodio tre.
Penso per Bree, una delle ragioni per cui la discussione arriva al punto in cui si trova è solo perché si è messa in una posizione così vulnerabile [nel tentativo prendere l’iniziativa sul sesso]. So che gli anni ’60 erano il periodo della rivoluzione sessuale, e le donne cominciavano ad essere più sicure in termini di prendere un’iniziativa sessuale, ma anche per le donne di oggi, esporsi è una cosa molto vulnerabile. Penso che Brianna in quel momento, abbia davvero fatto un salto e si senta estremamente respinta, e penso che Roger si senta lo stesso. Allora lui fa un ulteriore passo, e le fa una proposta, e poi lui si sente rifiutato, così la discussione si ingrandisce molto più di quanto avrebbe fatto se fosse stato in un contesto diverso. Sia che tu sia un uomo o una donna, penso che se ti togli i vestiti e poi qualcuno inizia a vestirti, ti senti un po' ferito!
Penso che Bree consideri Roger un po’ ipocrita, quando dice che non vuole andare a letto con lei a meno che non siano sposati. Penso che sia piuttosto giusto avere quei principi morali se credi di non fare sesso fuori dal matrimonio, ma penso che Brianna si senta trattata male, dal momento che lui sta scegliendo con chi avere questi principi morali.
L’atteggiamento di Brianna verso il matrimonio
Brianna è una donna davvero moderna per i suoi tempi – sta studiando e vuole concentrarsi sui suoi studi e sulla sua carriera, proprio come ha fatto Claire con la chirurgia. E forse è preoccupata di fare lo stesso percorso di sua madre, sposando qualcuno potenzialmente troppo in fretta, per poi incontrare qualcuno più tardi che veramente la faccia impazzire. Bree ha un lato calcolatore, anche se è una Fraser testa calda, e penso che alla lunga stia tentando di proteggere Roger. Non vuole spezzargli il cuore. Si vede questo tutte le volte che i genitori delle persone non hanno avuto una buona relazione, filtra sui loro bambini, e Bree ha vissuto per venti anni in una famiglia che lei pensava fosse felice e all’improvviso ha scoperto che non era così. Penso che abbia paura di seguire gli stessi passi di sua madre in questo modo.
L’imminente reunion di Brianna con Jamie dopo aver attraversato le pietre
Bree non sta attraversando le pietre per curiosità – lo sta facendo perché ha un lavoro da fare. C’è molto in gioco – sta tentando di salvare la vita dei suoi genitori – ma ovviamente c’è la curiosità circa il suo incontro con Jamie. Quest’uomo è stato messo su un piedistallo dalla storia, e da Claire, per lungo tempo, sebbene Brianna sia sempre stata così vicina a Frank, penso che sappia anche che manca una parte di lei. Penso che sia una grande parte del motivo per cui è passata dalla storia all'ingegneria per la sua laurea, allontanandosi dal tentativo di connettersi a Frank attraverso la storia
Ma nel momento in cui arriva alle pietre, penso che ci sia un sentimento di leggero tradimento verso Frank. Questo è qualcosa su cui ci siamo concentrati molto più avanti nella stagione, nel mostrare quanto vicini fossero davvero Brianna e Frank, perché è importante capire dove sia la testa di Bree. Non correrà mai direttamente tra le braccia di Jamie, perché ora è una donna e quest'uomo è un estraneo, e lei ha avuto un padre. Non penso che il fattore biologico conti tanto per lei.
Come l'esperienza del viaggio nel tempo di Brianna sarà paragonabile a quella di Claire
Ovviamente Claire è una donna molto intelligente, ma Brianna ha venti anni di conoscenze in più, venendo dai primi anni ’70, mentre Claire torno indietro negli anni ’40. Inoltre, come studentessa di storia Brianna dovrebbe conoscere molto dell’epoca, e mentre Claire era andata indietro per caso, Brianna sa che lei sta per andare indietro nel passato. Perciò avrà fatto le sue ricerche in termini di decoro dell’epoca, e su cosa non fare in quanto donna. Penso che Bree sia un po’ più preparata in questo senso, e non dovrebbe essere sorpresa da come sono trattate le persone – avendo ascoltato queste storie da Claire, penso che i suoi occhi siano anche più aperti quando va indietro.
Ma ci sono ancora momenti in cui Brianna ha difficoltà a conformarsi ai tempi. Ci sono cose che vede che vorrebbe cambiare, ma finisce negli stessi problemi che ha Claire, in cui se cerchi di cambiare troppo vieni additata come strega o altrimenti come molesta. Questa è una delle cose che è sempre interessante dello show – questa prospettiva moderna su un periodo, insieme alla frustrazione di non poter cambiare niente.

Outlander S4: Intervista a Maril Davis

Le 7 volte in cui Outlander non ha seguito la trama dei libri
Spoiler alert: Questo articolo contiene particolari della narrazione principale di Outlander, incluso il recente episodio della 4 stagione, “Savages”.
I fan di Outlander hanno avuto una grossa sorpresa nella puntata della scorsa domenica, in cui un amato personaggio è ricomparso e ha fatto provare anche a Jamie Fraser (Sam Heughan) uno shock da perdere i sensi. Murtagh Fitzgibbons Fraser (Duncan Lacroix),che gli spettatori avevano visto l’ultima volta condannato ad un futuro di servitù obbligata nella terza stagione, ora vive in North Carolina, lo stesso luogo che Jamie e Claire (Caitriona Balfe) chiamano casa.
Gli amanti dei libri di Diana Gabaldon, da cui è tratta la serie della Starz, sapranno che si tratta di un cambiamento significativo. Nella versione dei romanzi Murtagh muore durante la Battaglia di Culloden, il che rende il suo breve cameo come compagno di cella di Jamie ad Ardsmuir un primo indizio che la serie sarebbe andata in un’altra direzione con quel personaggio. Ora il padrino di Jamie si ritrova a essere una possibile fonte di conflitto nel nuovo ruolo di Regolatore. (Murtagh in quanto possibile rivoluzionario è una figura problematica perché la casa di Jamie e Claire, Fraser’s Ridge, arriva per concessione della Corona Inglese.)
Secondo il produttore esecutivo Maril Davis, far sopravvivere Murtagh nella serie è stata una mossa naturale. “Non appena abbiamo scritturato Duncan e abbiamo visto quanto fosse grande il legame sullo schermo non solo con Jamie ma anche con Claire, è diventato molto speciale,” racconta a Glamour. “Abbiamo sempre saputo nel profondo della nostra mente che avremmo tenuto Murtagh in vita. Ci sembrava di sprecare un personaggio [uccidendolo].”
Questa decisione è solo una delle tante scelte creative che si allontanano dal manoscritto di Diana Gabaldon che recentemente ha fatto raggiungere alla storia di Outlander la sua quarta stagione. Mentre i fans dei romanzi sono contrariati dalle libertà prese dalla serie, la produzione sostiene che i benefici superano i lati negativi. “É bello sorprendere i fan dei libri, così non sanno tutto,” ci dice Sam Heughan “Credo sia importante perché altrimenti sembra tutto un po’ scontato.”
Di seguito Davis ci accompagna nel difficile processo dietro alcuni dei più importanti cambiamenti di Outlander dalle pagine allo schermo.
Outlander Stagione 1
Libro corrispondente: Outlander (La Straniera)
Nel libro: la storia è narrata interamente dal punto di vista di Claire.
Cosa cambia nella serie: la seconda metà della stagione si apre con il racconto di Jamie, che permette agli spettatori di vedere lo stupro e la tortura dal suo punto di vista.
Opinione di Davis: “Ci sentivamo in dovere nei confronti di Jamie. Sentivamo che era importante essere con lui e vedere [l’aggressione sessuale] attraverso i suoi occhi, perché era così feroce. E certamente la gente ha pensato, ‘Perché avete dovuto farne vedere così tanto?’ Certo, uno stupro non è bello; e sfortunatamente nei libri di Diana ce n’è molto. Bisogna affrontare ogni situazione in maniera diversa: non rappresenteremo sempre la stessa esperienza allo stesso modo, ma in quel caso abbiamo capito che era importante vederlo dal suo punto di vista.”
Nel libro: Frank scompare dalla narrazione dopo che Claire viaggia nel tempo fino al 1743.
Cosa cambia nella serie: Episodio 1x08, “Both Sides Now,” mostra Frank alla ricerca di Claire nel ventesimo secolo.
Opinione di Davis: “Secondo me, ci siamo sempre chiesti cosa stesse facendo Frank. Voglio dire, doveva andare a cercarla! Molti dei nostri fan non sono fan di Frank, ma mi è successo di amarlo (anche se meno di Jamie). Abbiamo modificato un po’ il personaggio di Frank, perché nei libri è più sciovinista, e credo che i fan pensino che, togliendo tutti quegli elementi avessimo addolcito Frank. Ma la ragione per cui l’abbiamo fatto è che se lui fosse semplicemente stato una brutta persona e Claire fosse tornata da lui, avesse vissuto con lui e lui fosse stato razzista o misogino, allora non l’avremmo criticata per il suo ritorno da Jamie. Ma il fatto che lui sia una brava persona e che nonostante questo lei torni da Jamie mi fa capire molto di più sul suo amore per Jamie e quanto sia più potente di qualsiasi altra cosa. Per questo penso che sia importante mostrare Frank come un personaggio a tuttotondo e per questo volevano fortemente conoscere il suo punto di vista. Claire, ovviamente, era l’amore della sua vita e qualcosa che non ha mai superato.”
Outlander Stagione 2
Libro corrispondente: Dragonfly in Amber (L'Amuleto d'Ambra, Il Ritorno)
Nel libro: la narrazione si apre nel 1968, con Claire e sua figlia, Brianna, che fanno visita a Roger Wakefield.
Cosa cambia nella serie: la stagione si apre con il ritorno di Claire nel 1948.
Opinione di Davis: “Ci piaceva vedere l’intera stagione influenzata dall’idea che sapevamo già che Claire sarebbe tornata indietro. Inoltre, penso che volessimo vedere un po’ della vita di Claire e della sua lotta contro quello che avrebbe dovuto fare al suo ritorno [nel 1948]. Quindi più ne parlavamo, più ci rendevamo conto che sarebbe stato un bel modo per iniziare la stagione; avrebbe scombussolato un po’ le cose sapere che sarebbe tornata indietro.”
Nel libro: Laoghaire MacKenzie non compare in Dragonfly in Amber.
Cosa cambia nella serie: Laoghaire ricompare per la resa dei conti con Claire e per dare il via alla sua linea narrativa nella terza stagione, nell’Episodio 2x08, “The Fox’s Lair.”
Opinione di Davis: “Laoghaire è un’altra persona che tutti amano odiare, come Frank. Ma per lo stesso motivo, ci siamo resi conto che era una così bella antagonista e cattiva che era un peccato lasciarla indietro e non rivederla mai più. Volevamo sapere cosa sarebbe successo se lei e Claire si fossero rincontrate dopo tutto quello che Laoghaire le aveva fatto. Sentivamo che non rivederla più sarebbe stata un’opportunità sprecata. Quindi questa è una di quelle volte in cui ci siamo detti, “Sarebbe divertente, facciamolo.”
Outlander Stagione 3
Libro corrispondente: Voyager (Il Cerchio di Pietre, La Collina delle Fate)
Nel libro: Claire compra un abito in stile 18° secolo prima di ritornare nel 1766.
Cosa cambia nella serie: Claire ricava un pratico “bat suit” da un impermeabile
Opinione di Davis: “Il bat suit è stata un’idea di Terry Dresbach [la costumista]. Credo che la sua paura fosse che Claire fosse troppo intelligente per andare veramente a comprare, esito a dirlo, un vestito scadente. Claire è quel tipo di persona che pensa in anticipo a cosa le servirebbe per tornare indietro nel tempo; in quanto dottore, avrebbe scelto qualcosa di molto più pratico. E l’idea di vedere Claire così abbottonata quando torna indietro nel tempo e lentamente, nel corso di diversi episodi – una volta ritrovato Jamie e per tutto il resto del loro viaggio - comincia a spogliarsi degli strati di quel vestito e a mostrare piano piano qualcosa di più del suo essere che aveva tenuto nascosto in tutti quegli anni con Frank.”
Nel libro: Frank ha una serie di relazioni con donne di cui non sappiamo il nome durante il matrimonio con Claire.
Cosa cambia nella serie: Frank ha un’unica amante, Sandy, che ama e vuole sposare.
Opinione di Davis: “So che a molti fan non è piaciuto l’aver reso Frank più gradevole, ma sentivamo che questo avrebbe reso la decisione di Claire di tornare indietro da Jamie ancora più potente. Claire è meravigliosa ma, potrebbe dire qualcuno, - e questo è quello che ci piace della narrazione – è stata molto egoista nel trattenere Frank. Avevano deciso molto prima di rimanere insieme per Brianna ma sul serio, era giusto? Ovviamente Claire non avrebbe avuto altri amanti, ma per uno come Frank la situazione ha veramente precluso la sua capacità di amare. Probabilmente Frank aveva intenzione di chiedere a Sandy di sposarlo e probabilmente avrebbero avuto una vita insieme che è stata interrotta troppo presto. Quindi abbiamo semplicemente pensato che sarebbe stato meraviglioso vedere la personificazione del tutto in una sola donna gloriosa, Sandy.”
Per i puristi del libro che non possono evitare di fare le pulci alla serie, Davis è rapida a spiegarci che da un punto di vista logistico, “Sarebbe stato difficile fare un adattamento preciso e non fare cambiamenti, perché molte volte ci sono cose nel libro che non necessitano di essere trasposte sullo schermo.” (Uno degli esempi migliori è la famosa scena delle sorgenti termali con Claire e Jamie dal primo romanzo Outlander; il produttore Ronald D. Moore dovette prendere la difficile decisione di non includerla nel finale della prima stagione.) Ma quello che la serie permette ai telespettatori è “di vedere nei piccoli anfratti e nelle pieghe che non sono spiegate nei libri,” dice Davis. Mentre la serie tv fornisce nuove e diverse prospettive che non sempre possono essere ben accolte, Davis si offre di rassicurarci: “Avrete sempre i libri. Il materiale da cui siamo partiti non se ne andrà mai.”
(X)

mercoledì 5 dicembre 2018

Outlander S4: La reunion con Murtagh

Outlander: un piccolo dettaglio rivela l’enorme importanza della reunion di questa settimana.
Uno dei favoriti dai fan ci porta dietro le quinte dell’ultimo emozionante colpo di scena – e nel misterioso futuro del suo personaggio.
Questo articolo contiene una discussione aperta sull’episodio 5 della stagione 4 di Outlander, dal titolo “Savages”. Proseguire con attenzione.
Se le storie dei viaggi nel tempo dell’autrice di Outlander Diana Gabaldon dipendono da qualcosa, questa è una forte corrente di serendipità - o, se preferite, fato. In quale alto modo i personaggi potrebbero perdersi e ritrovarsi ancora e ancora, attraverso i secoli e i continenti, in un’epoca in cui non c’erano i social media, messaggi di testo, o e-mail ad aiutarli a riconnettersi?
Gli spettatori hanno ricevuto una pesante dose di questo speciale segno del destino questa settimana, quando due personaggi si sono riuniti dopo anni di dolorosa separazione. Vi offriamo l’ultima possibilità di andarvene prima che gli spoiler arrivino scorrendo veloci e impetuosi nell’articolo sotto grazie alla guest star a sorpresa dell’episodio.
Da quando è stato annunciato che sarebbe tornato, i fan di Outlander hanno impazientemente aspettato la ricomparsa del padrino a lungo perso di Jamie, Murtagh Fitzgibbons Fraser (Ducan Lacroix), che era stato visto l’ultima vota all’inizio della stagione 3, messo male e sulla via per le colonie. Nei libri, Murtagh muore nella battaglia di Culloden – ma lo show ha prolungato la vita di questo personaggio a seguito della sua popolarità tra i fan (e tra gli autori stessi). “Non per essere presuntuoso, ha detto Lacroix a Vanity Fair con una risata e qualche finta spacconeria a telefono all’inizio di questa settimana, “ma sono grande!”
Il preferito dai fan si è tuffato negli elementi visivi della sua reunion con Jamie, nel nuovo aspetto di Murtagh, e ha dato anche alcuni piccoli indizi sul futuro del suo personaggio nello show.
Secondo Lacroix, c’era un precedente piano per riportare Murtagh al fianco di Jamie molto prima di questo episodio: “Doveva tornare nella Stagione 3 in Giamaica, e lo avrebbero trovato da qualche parte su una collina con una banda di schiavi scappati messa insieme alla buona. Non avrebbe funzionato. Penso che questo sia migliore.” Quell’incontro casuale sarebbe stato un pochino troppo fortuito. Invece di inciampare su Murtagh tra le colline, il Giovane Ian e suo zio Jamie trovano lo scozzese che lavora come fabbro nelle colonie, in un paio di scene che intenzionalmente richiamano l’emozionante momento saliente sia del romanzo Voyager che della Stagione 3: la famosa riunione nella tipografia tra Claire e Jamie dopo una lunga separazione.
È vero, ci sono solo pochi modi in cui si può fare una rivelazione cinematografica sorprendente ed emozionante – e una conversazione di spalle per un errore d’identità è senza dubbio una di queste (infatti, non è l’unica scena come questa che vedremo questa stagione). Ma Lacroix ammette “La tipografia, si, c’è un eco di quella. La schiena è girata. Ti rendi conto di ciò quando affronti queste scene, in quelli che ti aspetti siano momenti importanti.”
Sia nella reunion tra Claire e Jamie che nelle due rivelazioni di Murtagh, il pubblico vede i due amati personaggi – Jamie, Murtagh, poi ancora Jamie – che parlano in modo insolitamente burbero a qualcuno che pensano sia un estraneo prima di addolcirsi di fronte alla sopraffazione emotiva. Murtagh, almeno, non sviene.
Inoltre, le scene di Murtagh sono state girate per il massimo impatto. I fan sono stati di vedetta per il personaggio, e così molti hanno riconosciuto Lacroix nel momento in cui comincia a parlare – anche se la sua schiena era girata verso Ian, e la camera era bloccata sia sugli strumenti da fabbro che sui movimenti delle sue mani. Ma il pubblico ha dovuto rimanere con quella conoscenza per un poco e, con una pesante dose di drammatica ironia, anticipare il momento in cui Jamie stesso avrebbe condiviso la gioia dei fan di ritrovarsi il suo padrino di nuovo al suo fianco. La scena della tipografia gestita con lo stesso livello di tensione mentre il pubblico aspettava che Jamie capisse quello che loro già sapevano.
Per Outlander dare alla reunion tra Murtagh e Jamie un peso e segnali visivi simili sottolinea proprio quanto sia importate questo particolare legame familiare in uno show che spesso ha la nomea ingiusta di essere interessato puramente all'amore romantico o alla tensione sessuale. “Ho dovuto vivere in una grotta in Tibet per due anni,” dice Lacroix scherzosamente sul suo tentativo di arginare tutte le teorie e le domande su quando e come il suo personaggio sarebbe tornato.
Dal momento che la versione televisiva di Murtagh è vissuta più a lungo della sua controparte letteraria, le opportunità su dove potrebbe andare dopo e cosa potrebbe fare sembrano infinite. I lettori dei libri hanno avuto una giornata campale provando a indovinare come Murtagh sarà reinserito nella trama, che Lacroix ha detto è stato “un poco misteriosa” per lui. Ha smesso anche Twitter per evitare che gli fosse chiesto. Una teoria comune era che Murtagh avrebbe sostituito il personaggio del libro chiamato Duncan Innes, che è stato eliminato dalla serie. Nel libro Duncan, un compatriota di Jamie, arriva a sposare Jocasta (Maria Doyle Kennedy). Gabaldon ha insistito ripetutamente che questo non sarà il destino di Murtagh.
Ma l'attore ha confermato che sarà strettamente coinvolto con la famiglia Fraser per il prossimo futuro. Senza anticipare esattamente chi ha menzionato, Lacroix ha espresso la sua gioia nel riuscire a lavorare con un attore che interpreta un personaggio che Murtagh non ha ancora incontrato. “È stato corroborante” ha detto con evidente soddisfazione, “lavorare con il giovane ‘uns.” Questa energia è stata chiara dall’intesa immediata che Lacroix ha condiviso con l’attore del Giovane Ian John Bell.
Mentre c’erano molti del cast e della troupe che erano familiari a Lacroix, la sua transizione nello show dopo essere stato lontano per tanto tempo ha avuto le sue sfide. Lacroix ha incanalato quella distanza nella sua interpretazione di Murtagh, che è stato così a lungo separato dal suo amato figlioccio: “Mi sentivo come lo volessi - avevo bisogno di adattarmi di nuovo. Ora che la famiglia [Fraser] è tornata insieme, non è facile - una cosa naturale tornare qui. Era un po’ vero per i primi episodi in cui ero tornato. Lo stesso ma diverso. "
Anche il nuovo aspetto di Murtagh sottolinea la lontananza, e un senso del mondo che gli è passato davanti. Lacroix ha detto che il processo di invecchiamento di Murtagh si è aggiunto all'ultimo minuto, con una parrucca innevata che chiama affettuosamente "il Gandalf" – in riferimento ai lunghi riccioli da mago di Sir Ian McKellen ne Il Signore degli Anelli. Il fatto che Murtagh, con i suoi capelli bianchi e la faccia più rude, sembri invecchiato molto di più di Jamie e Claire non solo per lo show visto che Sam Heughan e Caitriona Balfe sembrano improbabilmente e seducentemente giovanili, nonostante abbiano una figlia adulta insieme. “Penso che sia il simbolo di tutto il tempo che lui ha perduto,” ha spiegato Lacroix. “I capelli diventano bianchi per la mancanza di speranza.”
Ma non è che Murtagh sia stato in giro a struggersi per la sua famiglia perduta. Lo show ha trasformato il personaggio in un Regolatore politicamente determinato – una setta dei primi anni della rivoluzione che nacque in Nord Carolina. “Vedo Murtagh come un Padre Fondatore” scherza Lacroix. “Potrebbe stare sul retro del biglietto da un dollaro.”
Questa inclinazione nella politica americana è parte di quello che Lacroix ha chiamato un “salto nel buio” e una “scommessa” a nome degli autori dello show, che si stanno allontanando sempre più dal percorso che i libri di Gabaldon hanno preparato per loro. Se questa idea sta causando il panico di qualsiasi lettore dei libri, suggerirei di seguire il consiglio di Gabaldon: "Non preoccupatevi"
Questa nuova story line sui Regolatori si combina piuttosto bene con ciò che un Murtagh sopravvissuto alla devastante battaglia scozzese-inglese, che ha dato il via alla terza stagione, potrebbe provare. “Lui ha perso molto. Gli è stata portata via la Scozia. Gli è stato portato via Jamie. Questa è una specie di continuazione della battaglia con le giubbe rosse. C’erano molti scozzesi espatriati [in Nord Carolina] che sarebbero stati molti desiderosi di combattere.” Tutto sommato, questo è un po’ più interessante di un altro matrimonio, non è vero?
(X)

domenica 2 dicembre 2018

Bees: L'anima dei cani

Guardai la discesa e vidi Jamie emergere dai salici che orlavano il Deep Eddy Creek, spingendo i bambini davanti a sé come un gregge di piccole, disobbedienti pecore, sbattendo l’uno contro l’altro e ridacchiando. Non per la prima volta sentii la mancanza di Rollo, che avrebbe preso la situazione in mano – o nelle zampe – con gusto, e mi feci il segno della croce al pensiero con un sorriso mesto.
“Pensi che sia appropriato pregare per l’anima di un animale?” chiesi a Roger, che stava costruendo il fuoco per la cucina, assistito a Mandy, che si stava rendendo utile porgendogli bastoncini e altri oggetti che pensava dovessero essere inclusi. Si raddrizzò, spolverandosi le mani e mi sorrise.
“Penso che ogni preghiera sia una buona preghiera, ma non penso che i Presbiteriani abbiano una qualche dottrina sugli animali. Quale anomale avevi in mente? Perché se è la Scrofa Bianca…”
“No,” dissi pensierosa. “Sono ragionevolmente sicura che la Scrofa Bianca sia al di là della redenzione, se non un demone di qualche tipo. Stavo pensando a Rollo.”
“Oh, cani. No, tesoro, il fuoco è abbastanza alto ora – dobbiamo lasciare che bruci un poco così che Nonnina possa cucinare la nostra cena. Vai a lavarti le mani – e magari anche la faccia mentre sei lì, aye?”
“E chiedi a Germain di portarmi un secchio d’acqua per favore, Mandy” La chiamai. Lei annuì affabilmente saltellò verso il pozzo, Esmeralda nell’incavo del suo braccio e il suo scamiciato logoro – ora macchiato di carbone di legna – che svolazzava intorno alle sue gambe.
“Cani,” ripeté voltandosi verso di me. “Be’…una volta incontrai un prete cattolico a Inverness…cantava nel coro di St. Stephen, per divertimento, sai; bel baritono… ad ogni modo, una sera l’ho invitato per una pinta e nel corso della conversazione siamo arrivati ai cani. Lui aveva appena perso uno dei suoi animali, un piccolo cane davvero dolce e soffice, che era venuto con lui come d’abitudine e si rannicchiato tra i suoi piedi mentre il canto andava avanti. Perciò io proposi di brindare a Tippy, e tutti nel bar si unirono – be’, comunque, qualcuno chiese a Peter – Peter Drummond, lo chiamavano Padre Peter, - gli chiese se i cani hanno un’anima.”
“Be’, ovvio che ce l’hanno.” Jamie aveva disperso il suo gregge ed era venuto sulla collina in tempo per sentire questo. “Come potresti guardare negli occhi di un cane e dubitarne?”

sabato 1 dicembre 2018

Outlander S4: Sam Heughan e ‘lotta con l’orso’.

L'episodio di Outlander di questa settimana, “Common Ground”, mostra un episodio che i lettori di Tamburi d’Autunno di Diana Gabaldon stavano aspettando: Jamie che si è trovato faccia a faccia con un orso. Ma gli autori del dramma di Starz – a cui piace dare ai fan quello che vogliono ma non necessariamente come se lo aspettano – hanno aggiunto il loro colpo di scena. Nell’episodio, l’orso è infatti un uomo che, dopo essere stato ripudiato dalla sua tribù Cherokee a causa di una violenza sessuale, assume la personalità (e la pelle e gli artigli) di un orso per rubare il cibo e terrorizzare Fraser’s Ridge. Jamie infila con un paletto l’intruso, poi trascina il corpo dai suoi vicini Cherokee, che danno a Jamie il nome di Uccisore dell’Orso e presentano Claire alla loro guaritrice, Adawehi (Tatoo Cardinal di Balla con i lupi).
Mentre aspettiamo il senso del messaggio criptico di Adawahi per Claire (Caitriona Balfe) – “La morte è mandata dagli dei, non sarà colpa tua”Sam Heughan, che interpreta Jamie, ha parlato con Vulture della lotta, della vita in una zona isolata, e se vedremo mai Jamie lavorare a maglia.

Come hai saputo del piano degli autori di fare in modo che l’orso fosse un uomo, e qual è stata la tua reazione?
Non lo sapevamo davvero fino a che abbiamo letto il copione la prima volta. All’inizio stavamo ovviamente pensando che sarebbe stato qualcosa, sai, tipo The Renevant e la lotta di Di Caprio con (l’orso). Leggere che in realtà è un uomo, penso sia un bel colpo di scena. Ne abbiamo alcuni in questa stagione – momenti da cui penso i fan dei libri saranno sorpresi – e penso che questo si aggiunga. È divertente tenerli sul bordo della loro sedia. Ed è anche l’inizio di una sorta di comprensione e mutuo rispetto che Jamie ha verso i Nativi Americani. Questo momento, ai loro occhi certamente, conferisce loro un po’ di rispetto per quello che è e viceversa.
Cosa ti ricordi delle riprese di questa lotta? È scuro, stavi lottando contro un uomo con un travestimento da orso con degli artigli. Com’è stata questa esperienza?
Dico sul serio, abbiamo sempre parlato del tempo, ma c’erano -7 gradi di notte, ed era così freddo, perché conosci Jamie, ha solo la camicia. Ma è stato divertente. È difficile illuminare questo genere di cose in una foresta, ma è stata una lotta molto intensa, e lui è un tipo grosso e di sicuro lo è anche Jamie; dimostra quanto sia pericolosa questa terra. Jamie e Claire devono davvero costruire il loro percorso in una landa selvaggia, costruire la loro casa e il loro nuovo insediamento, e ci sono così tanti pericoli qui.
I Cherokee stavano facendo una specie di rituale nello stesso momento della lotta. Come interpreti questa cosa?
Questo in effetti è nella revisione – non sapevo se sarebbe stato tagliato. Certamente dà un senso spirituale, ultraterreno, e questo è di sicuro un tema che percorre tutta la stagione, specialmente quando si tratta dei Nativi Americani. Sono quest’antica civiltà che stava lì prima di tutti quei coloni e immigrati. So che i nostri scrittori hanno fatto molte ricerche e sono andati a incontrare molti Cherokee anziani. Questo rende la stagione così interessante – abbiamo questo mondo completamente nuovo e stiamo introducendo un nuovo popolo.
Prima hai detto che le somiglianze tra gli Highlander e i Nativi Americani affascinano sia Jamie che te. Cosa non vedevi l’ora di esplorare in questa stagione?
Quando stavamo leggendo i copioni e abbiamo cominciato a girare, ero molto interessato a dimostrare questo [fascino], anche se non era scritto. Jamie, all’inizio, è molto diffidente e non sa niente dei Nativi Americani. Penso che all’inizio li chiami “Selvaggi” ed è molto sospettoso, e abbastanza rapidamente si vede che c’è questa comprensione non scritta che si sviluppa e in effetti un’interazione – ed è perché sono molto simili nel senso che sono nazioni in guerra, hanno la stessa storia. La stessa cosa che sta succedendo ai Nativi Americani è successa agli scozzesi: la loro terra era stata presa dai britannici. È uno scenario molto simile. C’è un grande rispetto, e certamente alla fine della stagione, senza rivelare spoiler, Jamie davvero affida ai Nativi Americani uno della sua famiglia. Ha davvero una grande comprensione e un grande rispetto per loro.
Si può affermare con sicurezza che questa relazione, come tutte le relazioni in Outlander, avrà delle complicazioni lungo la strada. Cosa puoi anticiparci sui diversi livelli che vedremo?
È molto simile alla Scozia e ai clan in Scozia: ci sono molte tribù diverse, e alcune sono amichevoli, alcune no. La fine della stagione, il punto culminante e il finale, è basato su di loro, e penso che sia probabilmente il nostro finale più forte. Ci è piaciuto molto girare tutto questo, e davvero è uno sguardo completamente differente dello show per vedere questi insediamenti dei Nativi Americani e le loro case. Penso che le persone stiano davvero… non voglio dire imparando su questa cultura – sai non siamo una grande lezione di storia – ma certamente li stiamo mostrando molto, e penso che siamo stati molto fortunati ad avere più di 100 [Prima Nazione Canadese] per la maggior parte Cree, che sono venuti [per recitare nello show]. E loro hanno portato con sé questa grande cultura e ci hanno insegnato molto. Erano anche davvero simpatici e hanno portato un grande umorismo sul set e anche la loro musica. C'erano delle volte in cui eravamo tra una ripresa e l'altra, iniziavano a cantare dei pow wow [canzoni] o a suonare i tamburi accanto al fuoco, ed era piuttosto magico.
Guardando al prossimo episodio, abbiamo dato una prima occhiata all’affascinante capanno di Jamie e Claire. Qual è la tua parte preferita?
Ovviamente [lo scenografo] Jon Gary Steele ogni stagione rende lo show così incredibile da guardare e da lavorarci. Lo ha fatto di nuovo. Il capanno è qualcosa che Jamie ha costruito, e per tutta la stagione si vede l’insediamento crescere: passa da un ammasso elementare a un insediamento completamente sviluppato con diverse case, tutte porzioni di terreno in affitto, e il giardino che coltiva Claire. I primi coloni stanno davvero costruendo tutto per la prima volta, e perciò sembra fresco e nuovo Questo è ciò che sorprende in questa stagione: siamo riusciti a vedere l'America nella sua infanzia davvero cresciuta da zero
Caitriona ci ha detto che trovava strano che Jamie e Claire non avessero una camera da letto separata nel loro capanno.
[Ride], No, perché dovresti? Perché avresti bisogno di una stanza da letto separata? Jamie è pratico, molto pratico. E questo significa che è più vicino al tavolo, al cibo e alla cucina. Magari la prossima volta potrebbe fare un ampliamento.
Jamie andrà in cerca di coloni che vivano a Fraser’s Ridge nel prossimo episodio. Come farà?
C’erano delle statistiche, e penso che circa il 40 per cento dei coloni a quel tempo erano scozzesi, e questa è la linea che segue. Jamie vuole circondarsi di persone scozzesi che gli saranno fedeli e capiscono il suo modo di lavorare. Essi vanno per le città e provano a incoraggiare i coloni a vivere sulla sua terra. In una maniera molto simile a quello che fanno in Scozia con il sistema dei clan – tutti pagano un affitto ma lui si occupa di loro – questo è quello che lui ha sempre voluto. Ha voluto essere un laird e essere quasi il capo di un clan, e questo lo è davvero – questo è lui che comincia a costruire il suo lascito e la sua eredità.
Questo ha cambiato il tuo approccio all’interpretazione di Jamie in questa stagione?
Si. Voglio dire [lui e Claire] si sono finalmente ritrovati, e stanno insieme, e per tre stagioni questo è quello per cui hanno combattuto. E sono cresciuti, hanno fatto molte esperienze insieme e separati, e ora lui è più maturo, è meno impulsivo e pensa di più prima di agire. Naturalmente, è Jamie Fraser, perciò ci sono alcune volte in cui non lo fa e questo gli porta dei problemi, ma effettivamente è felice. Per la prima volta può rilassarsi e mettere delle radici, e penso che li abbiamo visti nei primi episodi sicuramente apprezzare e innamorarsi della terra. Poi, ovviamente, nella seconda metà della stagione è di nuovo tutto scosso.
Ultima domanda: vedremo Jamie lavorare a maglia in qualche punto della stagione? Claire e il pubblico hanno saputo appunto dal Giovane Ian che Jamie sa farlo. La menzione dà l’impressione di una Pistola di Chekhov
Penso che Jamie sia troppo impegnato per fare un qualunque lavoro a maglia. Ma penso che ci fosse una scena, in effetti, in cui hanno scritto che Jamie era in grado, ma non credo che l’abbia davvero fatto. Ad essere sinceri, Jamie può fare molte cose, ed è divertente: quando arrivano all’inizio [nella zona isolata], davvero non hanno niente, e nel corso della stagione si vedranno apparire molti capi di abbigliamento e anche molti vestiti fatti a maglia. Perciò di sera sono decisamente impegnati a fare cose. Devono sopravvivere, ed è anche molto, molto freddo in Nord Carolina durante l’inverno, e quindi si vedrà certamente attraverso i costumi.
(X)