lunedì 18 settembre 2017

Claire, Frank e i letti separati

Il matrimonio dei Randall è certamente entrato in un vortice discendente in modo rapido!

Ma prima di tutto, ATTENZIONE SPOILER! Non leggete l'articolo se non avete ancora visto il secondo episodio di Outlander.

Nella scena finale del secondo episodio, la telecamera si allontana dall'azione per mostrare Claire (Caitriona Balfe) e Frank (Tobias Menzies) che dormono divisi in letti separati. È come una scena uscita da I Love Lucy - tranne che Ricky e Lucy si adoravano ancora, anche se non condividevano lo stesso materasso. Questo non è sicuramente il caso di Claire e Frank.
"Sotto molti punti di vista, la relazione che tutti noi vogliamo è quella tra Claire e Jamie, ma la relazione che la maggior parte di noi ha o ha avuto è quella tra Claire e Frank", racconta la Balfe a EW. "Sembra molto reale e è tragico. Sono due brave persone che stanno cercando di fare del loro meglio, ma non saranno mai in grado di darsi a vicenda ciò di cui hanno bisogno. È un terreno molto fertile per una buona storia".
La Balfe ha detto che lei e Menzies hanno lavorato duramente per assicurarsi che la coppia del 20° secolo non fosse semplicemente un "Oh, sono infelici e si odiano reciprocamente".
"Ovviamente sono insoddisfatti, ma non puoi vivere con qualcuno per 20 anni, a meno che non si trovino dei momenti di gioia e di rispetto reciproco, e là c'è amore anche se è platonico", spiega la Balfe. "Penso che sia veramente toccante vedere i loro momenti di quanto sono erano all'inizio della prima stagione. Godono della reciproca compagnia e sono entrambi persone intelligenti. Intellettualmente, si stimolano l'un l'altra. Ma c'è solo troppo, troppo dolore e c'è molta delusione. Quella sarà sempre qualcosa che salterà fuori e li dividerà".
Andando avanti, ci si aspetta che il baratro aumenti sempre di più, aggiunge Menzies.
"Mentre ci dirigiamo verso gli anni '60, vediamo una Brianna cresciuta e loro che si allontanano. Iniziano a vivere una vita separata", spiega. "Organizzano insieme una relazione che funzioni per il bene della bambina. Passa attraverso la delusione e la rabbia, per poi risolversi in qualcosa di più amichevole e come una specie di rassegnazione".

0 commenti: