martedì 7 giugno 2016

Claire e il Disturbo Post Traumatico

Perché Claire soffre di disturbo post traumatico da stress nello show ma non nel libro

Mentre i nostri highlanders scozzesi preferiti si preparano alla battaglia contro i britannici, Claire comincia ad avere dei flashback della Seconda Guerra mondiale. Dato che lei ha sempre parlato poco della sua esperienza come infermiera da campo, vi starete chiedendo perché questa pesi su di lei adesso - visto soprattutto che nei libri non soffre di disturbo post traumatico da stress (PTDS).
“Mi ha sempre incuriosito ciò che le è successo durante la Guerra” spiega lo sceneggiatore Matthew Roberts, “la storia della Seconda Guerra Mondiale di Claire è disseminata qua e là nei libri, ma non ci sono molti dettagli in proposito”.
Dal momento che la storia di Claire, come raccontata nei libri, è molto interiore, Roberts ha immaginato un modo per rendere visibile questo aspetto senza troppe voci fuori campo. Sembrava adattarsi con l’episodio in cui i soldati si stanno addestrando, così ha lanciato l’idea di Claire che soffre di PTSD – tutti gli sceneggiatori e anche l’attrice Caitrona Balfe hanno apprezzato. “Ho pensato che fosse una gran cosa, a causa di tutto quello che le è successo a Parigi lei è una donna molto più fragile di quanto fosse prima” dice Caitriona. “Sì, era guarita, ma la sua armatura era stata definitivamente intaccata. (In più l’idea significava che la Balfe poteva di nuovo indossare i pantaloni, “sempre un sollievo!”)
Roberts e la Balfe hanno cominciato a fare ricerche sulla PTSD, a visitare forum on line, a parlare con soldati e a guardare documentari. Ma una delle cose che ha ispirato la sceneggiatura è stato il lavoro di Roberts come paramedico a Los Angeles. Prima di diventare uno sceneggiatore, ha imparato quanto può essere difficile se vieni chiamato a curare una persona che conosci e a cui vuoi bene. “Non è facile distaccarsi” dice, “ma è più facile farlo quando non è qualcuno a cui vuoi bene”. Non si tratta di soldati usciti dal campo di battaglia e che lei non ha mai visto prima, con cui poteva bastare il suo addestramento. Sono Jamie, Angus, Rupert. Non è più una ferita. Sono persone.
Claire torna indietro con i ricordi al tempo in cui incontra due soldati poco prima della loro morte. Incontra il Caporale Grant e il soldato semplice Lucas in sala mensa, dove impara la sua imprecazione caratteristica “Jesus H. Roosvelt Christ” – e cerca di descrivergli le salsicce al sangue/pudding nero. Alla Balfe piace interpretare la giovane Claire, che non è certamente innocente, avendo già sperimentato qualcosa della guerra, ma nondimeno è più spensierata della Claire che conosciamo adesso. Ma poi lei dà loro un passaggio, e la sua jeep è colpita – un ricordo provocato dai colpi nel campo d’addestramento scozzese. “Qualcosa di piccolo può scatenare un ricordo grandissimo” dice Roberts.
“Questo grande flusso di immagini dalla sua esperienza nella Seconda Guerra Mondiale, le implicazioni che la Guerra comporta, hanno effetti catastrofici sul suo sistema nervoso” dice la Balfe. “Non ha mai avuto realmente tempo per assorbire quegli eventi, perché alcune volte con il disturbo post traumatico da stress, puoi seppellire le cose per un periodo terribilmente lungo. Ci sono questi fattori scatenanti e qualcosa comincia ad emergere, se non l’hai affrontato”.
Claire collassa a terra quando rivive la sua esperienza. “Libbre e libbre di terra” sono state buttate sulla Balfe per la sequenza dell’esplosione, al punto che è stato difficile respirare. “È una sfida fisica” dice “e tu stai tentando di trovare il giusto equilibrio per rappresentare tutto nel modo più onesto possibile laddove qualcuno si sente così a nudo, così a disagio, ad avere quest’ansia che ti rode. È quasi come se strisciasse fuori dalla sua pelle. È molto spiacevole.
Roberts voleva far vedere che, sebbene Claire non sia un soldato, tutte le persone che supportano le truppe – dal personale medico ai cappellani – possono subire le conseguenze della guerra. Raccogliere i pezzi può essere traumatico quanto combattere.
Claire non capisce a pieno cosa sta succedendo – perché non è in grado di fare diagnosi a sé stessa o di spiegarlo a Jamie. “È come se qualcuno che ha un’emicrania tentasse descriverla a uno che non ne ha mai sofferto” dice Roberts. “È così confusa dalle sue sensazioni interiori, non è capace di concentrarsi sulle persone di fronte a lei” dice la Balfe. “È in quel momento che inveisce. Si innervosisce. È brusca.”
Roberts spera che la raffigurazione in Outlander aiuti a eliminare i pregiudizi sul disturbo post traumatico da stress, a causa dell’alto tasso di suicidi tra i soldati. “È straziante” dice “non seguono trattamenti perché è un segno di disonore.”
Da parte sua, l’autrice Diana Gabaldon ha ben accolto l’aggiunta alla storia. “Claire sa esattamente quanto sia orribile la Guerra, e perciò può avere una conoscenza di cosa stanno affrontando migliore di quanto possa avere ogni uomo che è con lei” dice. “Vedendo gli effetti duraturi su di lei, noi vediamo la sua disperazione nel fermare ciò che sta per accadere.

Traduzione di Iolanda
[x]

0 commenti: