martedì 14 luglio 2015

Sam Heughan e la seconda stagione di Outlander

Quando Sam Heughan di Outlander si è seduto per la nostra intervista al San Diego Comic Con 2015, la prima cosa di cui abbiamo chiacchierato è stato se avesse visto qualche partecipante del comic andarsene in giro vestito da Jamie. Non gli è capitato, ma ha confessato di non avere avuto occasione di guardarsi intorno essendo stato molto occupato. Heughan, la sua co-star di Outlander Caitriona Balfe, il creatore della serie Ronald D. Moore e l'autrice Diana Gabaldon sono stati tra i vip più ricercati dell'evento sold-out che mostra quanto la prima stagione sia stata popolare e acclamata.
Descrivendo la sua seconda esperienza al Comic come folle, ma meravigliosa, Heughan ha iniziato a parlare del filmare quelle incredibili scene di Wentworth Prison (che ha guadagnato un Emmy Buzz conseguentemente alla sua performance) e del viaggio che Jamie e Claire affronteranno nella seconda stagione.


Come ti sei preparato mentalmente e come sei entrato in questa particolare mentalità per le scene di Wentworth Prison? Come sei riuscito a restare lì?
Sapevamo che sarebbe accaduto. Ne ero eccitato, nervoso, ma sapevamo che sarebbe stato difficile. Volevamo che fosse una sfida per gli attori, ma anche per il pubblico. Ci siamo avvicinati come ad un qualsiasi altro pezzo teatrale; io e Tobias [Menzies] abbiamo un background teatrale. Ci siamo seduti con il regista e lo sceneggiatore per circa una settimana di prove. Abbiamo discusso delle scene, di cosa tagliare. Abbiamo lavorato su ciò che volevamo che il pubblico provasse, ciò che volevamo vedesse. Praticamente abbiamo impostato le linee guida, i limiti del girare la scena. E poi abbiamo girato in un lasso di tempo di 10 giorni, due settimane. Era materiale abbastanza intenso, soprattutto per il contenuto, ma c'è anche moltissimo lavoro protesico. Ero in piedi alle 4 del mattino e non finivamo fino alle 10 di notte o giù di lì, quindi erano giorno lunghi. Ma in questo modo è stato perfetto, perché mi preparavo in quella mentalità per due o tre ore al mattino durante la preparazione, mentre qualcuno mi dipingeva qualcosa sul corpo. Poi la sera toglierlo era un buon modo per prendere le distanze dalle riprese della giornata, ma era una cosa pesante. Sapevamo che stavamo facendo qualcosa di molto audace, quindi ero entusiasta di vedere il prodotto finale.


Come riesci ad interpretare un personaggio offeso senza farlo diventare una vittima?
Jamie ha alcune risoluzioni al termine della prima stagione. Voglio dire, non è stato curato in alcun modo, ma guarda avanti. Ho parlato per ore con alcuni medici delle condizioni mediche e di cosa succede psicologicamente. Ma, alla fine, ognuno è diverso. Ognuno gestisce il proprio tormento in modi diversi. Jamie è molto particolare nel modo in cui si occupa delle cose. Prima l'abbiamo visto mentre veniva frustato o in altri momenti nella prima stagione che lo buttano a terra. Ma questo lo ha certamente segnato. Ma non è una vittima; sta andando avanti. Ha questa missione. È qui per uno scopo e non si lascerà schiacciare o limitare. Ma ha delle cose da affrontare e abbiamo appena finito di girare per il momento. Forse lui troverà una qualche soluzione ed è una cosa bella da vedere. Ho discusso di questo e abbiamo visto che in molti casi in cui le persone hanno avuto una sorta di trauma, è qualcosa di casuale che fa scattare in loro quel momento di guarigione e li fa andare avanti. Sono molto fortunato a poter interpretare questa parte del personaggio.


Jamie inizia la seconda stagione in un luogo completamente diverso dalla prima stagione. Come senti che sono le sfide di questa stagione?
In un certo senso suppongo che ci sia più di una sfida in realtà, perché nella prima stagione Jamie non aveva molte responsabilità. Bada solo a se stesso. Agisce in base al singolo momento. E, sì, nella seconda stagione è completamente diverso, sai? Ha il trauma della prima stagione e anche la responsabilità di avere una moglie, di diventare padre, di diventare genitore. Così è dovuto crescere e nella prima stagione certamente l'ha fatto.
Nella seconda stagione, sta cercando di venire a patti con quello che gli è capitato, ma è anche andato a Parigi, che non gli è estranea, ma è sicuramente un mondo in cui non è particolarmente a proprio agio. Sta per assumere una nuova identità. Si sente una persona diversa.


Tu e Caitriona Balfe siete ovviamente i due attori principali che seguiamo per tutta la serie, e molti personaggi entrano ed escono dalla storia. Come ci si sente, come attore, a recitare costantemente con attori e personaggi diversi?
Penso che sia meraviglioso. Siamo alla corte francese al momento. Murtagh è l'altro personaggio che è con noi, Duncan Lacroix è fantastico. Ma ci sono pochi di noi e abbiamo questo cast di attori francesi che sono incredibili e brillanti, un'energia completamente diversa in un mondo diverso. Questo è il bello del nostro spettacolo, cambiamo costantemente i luoghi e la trama. Ma è anche un po' triste. Ci mancheranno tutti i ragazzi scozzesi, ma sappiamo che torneremo indietro. La seconda metà della stagione sarà l'antitesi della prima metà. La prima parte è molto appariscente e lussuosa, i costumi sono incredibili. La seconda metà sarà più da 'sangue e battagliÈ. È come essere in un mondo diverso. So che questa serie continua a viaggiare e ci sarà il viaggio che Jamie e Claire e i loro personaggi stanno per fare.


Cosa stanno cercando di fare Jamie e Claire in questa prima parte di stagione?
Sono qui per cambiare la storia, alla fine. La battaglia di Culloden ... era molto popolare. [Ride] La battaglia di Culloden fondamentalmente è stata questa grande battaglia tra gli Inglesi e gli Highlanders. Bonnie Prince Charlie credeva di essere il legittimo re... e probabilmente lo era. È andato in Scozia per provare a radunare i clan e rimettersi di nuovo sul trono e rovesciare il re. Non ci è riuscito in pratica, questa battaglia li ha spazzati via. Le ripercussioni furono che l'esercito britannico vietò l'intera cultura delle Highlands, l'uso di kilt, il parlare gaelico, le cornamuse. Quindi siamo lì per cambiare la storia. Questo è esattamente ciò per cui noi siamo lì.


Puoi parlarci di come cambierà il rapporto di coppia tra Jamie e Claire?
Nella prima stagione erano sposini; giovani, nuovi amanti e si stavano scoprendo l'un l'altra e, ovviamente, si stanno ancora scoprendo a vicenda. Il trauma alla fine della prima stagione ha segnato molto il loro rapporto. Anche il fatto che lei sia un genitore, una madre e lui, ovviamente, abbia questa responsabilità. Stanno lavorando insieme, ma ci sono molti problemi che non sono stati ancora affrontati e che interpreteremo nella stagione. Ma alla fine la missione è la cosa più importante, per cambiare la storia e fare in modo che tutti sopravvivano. Ma, sì, il loro rapporto cambierà definitivamente.

Chi sono i nuovi alleati e i nuovi nemici?
Beh, abbiamo molti attori formidabili che sono arrivati, Dominique Pinon, Marc Duret. Ce ne sono moltissimi. Frances de la Tour. Quindi ci sono attori davvero potenti e sorprendenti in arrivo e che porteranno una dimensione diversa allo show.
Diventa quasi un tipo diverso di battaglia con la politica allo scoperto. Il nostro St. Germain è l'attore straordinariamente bello Stanley Weber. È francese e penso che farà molto bene. Si tratta di fronteggiare un diverso tipo di nemico. Avranno anche questo figlio surrogato, questo figlio adottivo di nome Fergus che porta un'altra dinamica al loro rapporto. Tutto questo muove il loro rapporto in avanti.


Essere inaspettatamente padre cambierà il carattere di Jamie?
Sì. Penso che prima di incontrare Claire lui era più che felice di mettersi in prima linea, ma ora deve pensarci due volte prima di farlo. E questa è una delle lezioni che ha imparato nella prima stagione. Nella seconda stagione è ancora lo stesso ragazzo ed è ancora in grado di essere una testa calda, a volte anche testardo, ma di certo è cresciuto un po' e sa che lui ha una responsabilità. A volte se lo dimentica.

Cosa significa fare parte di uno show che celebra la Scozia e l'identità del tuo Paese?
Penso di essere molto orgoglioso della Scozia. Sono tornato e ho ritrovato il mio paese, e me ne sono innamorato di nuovo. Sono molto orgoglioso della produzione. Mostra davvero la Scozia. L'artigianato, i luoghi, lo studio, ora abbiamo quattro teatri, un laboratorio dove vengono costruiti i mobili francesi. Abbiamo un altro laboratorio dove stanno facendo gli arredi di scena. Sta creando molto lavoro in Scozia. Sta attirando più di una produzione, molti show televisivi e film. Sono felice che ci sia stata data questa opportunità.
[x]

0 commenti: