giovedì 4 giugno 2015

Dietro lo scioccante finale di stagione di Outlander

La storia dietro il finale scioccante della prima stagione di Outlander.

**Spoiler sul finale della prima stagione di Outlander**

Quando vediamo Jamie e Jack all’inizio del finale di stagione di Outlander, i due uomini sono nudi, a letto insieme mentre si fa giorno – anche se dallo sguardo sul volto di Jamie è probabile che lui non abbia dormito nemmeno per un momento. Dopo una lunga notte con la sua nemesi, sembra devastato, rovinato, perso. “Non ho voluto fare questo tipo di nudo finché non avesse avuto un grande effetto” ci ha detto l’attore Sam Heughan che interpreta Jamie Fraser. “Spero che sia uno shock, piuttosto che qualcosa di piacevole da guardare. È tipo ‘O mio Dio, cos’è successo a questa persona?’
È così triste da vedere!”, concorda l’attrice Caitriona Balfe.
La scena iniziale è costruita per scioccare quella parte di pubblico che, dopo l’infausto finale dell’episodio 15, potesse aver sperato che qualcuno sarebbe arrivato per salvare Jamie prima che soffrisse ancora. “Una grossa fetta di loro si stava dicendo ‘Oh, questo non succederà,’” racconta il produttore Ron D. Moore. “Angus arriverà, volando su una corda o qualsiasi altra cosa, e tutto andrà bene”.
E perché non avremmo dovuto pensarlo? Non è quello che è successo a Claire, quando Jack stava per violentarla alla fine della puntata prima della pausa di metà stagione? Finora, ogni tentato stupro non è stato evitato all’ultimo momento? Ma fin dall’inizio, Moore ha cercato di avvisare quella parte di pubblico che non ha letto i libri, che la stagione sarebbe stata più cupa e più brutale, per prepararli per questo momento. “Non giochiamo qui,” dice Moore. “Questa è la storia. C’è un libro che stiamo seguendo e questa è una parte della storia che è assolutamente necessaria per quel libro. Non c’è veramente modo di non farla. È una situazione orribile, quindi doveva essere orribile.”
Lo stupro maschile è così raramente rappresentato in televisione, che avere non uno ma due eventi che opprimono il personaggio principale e richiedono una guarigione in stile intervento è piuttosto pionieristico.“Questa non è una situazione in cui metti il tuo personaggio maschile principale,” dice Moore. “Ho subito saputo, non appena ho letto il libro, di non aver mai visto niente di simile in un film o in televisione. Ho sentito come se avessimo trovato una sfida unica, una storia unica e non ho avuto la sensazione che ci fosse qualcosa là fuori che ci potesse essere d’aiuto nella realizzazione, quindi è stato tipo “Come lo faremo?”
La sfida n.1 è stata adattare le scene dal libro di Diana Gabaldon. Moore aveva pianificato gli episodi 15 e 16 come due parti di un unico episodio e, inizialmente, aveva suddiviso la sceneggiatura fra lui e Ira Behr (Behr aveva il 15 e Moore il 16). Ma mentre Moore provava a scrivere il suo episodio, si dibatteva con i punti emotivi fondamentali. I dialoghi e la conversazione fra Jamie e Black Jack non erano un problema – “puoi scriverne pagine intere con semplici scambi di battute avanti e indietro” – ma non riusciva a trovare un ritmo fra la violenza, la paura, l’agonia e i momenti più calmi di riflessione. “Sarei rimasto bloccato nelle chiacchiere e poi avrei solo buttato lì la violenza, non sarebbe sembrato collegato,” dice. “E non volevo cazzeggiare con questo.” Così ha chiamato Behr per avere un aiuto. I due non collaboravano a una sceneggiatura da quando lavorarono insieme a “Star Trek”, ma “tutto si è unito armoniosamente.”
Insieme hanno trovato una struttura, che si discosta dalla sequenza degli eventi nel libro della Gabaldon. Invece che avere i protagonisti che lasciano la Scozia per andare in Francia, dove avrebbe avuto luogo la guarigione di Jamie nel corso di diverse settimane, hanno deciso di far restare i personaggi in Scozia, “così c’è sempre una sensazione di pericolo che incombe su di loro. Non sono tornati a casa liberi.” Dava un senso di urgenza molto più profondo,” dice Moore.
Posizionare l’Abbazia in Scozia ha fatto collassare la linea temporale e ha reso tutto ciò che è successo a Jamie più recente. “
Un altro cambiamento chiave è stato raccontare parte della storia dal punto di vista di Jamie, un espediente iniziato nel nono episodio. Questo ha reso la storia di Jamie meno un flashback e più un ricordo “spingendolo nuovamente verso cose che ha, letteralmente, appena lasciato,” specialmente ogni volta che vede il volto di Claire. “Jamie può subire una punizione, lo abbiamo visto più e più volte,” dice Heughan, “ma non importa, fintanto che ha Claire. È la sua forza, e Black Jack la spezza. Ritara, ricalibra Jamie incasinando la sua mente e fa in modo che Jamie associ lui a Claire in quei momenti. Così adesso, quando lui vede Claire, Black Jack è lì, e lui si sente completamente perso.”
Parte di questo succede perché il metodo di Black Jack non consiste solamente nel violentare un soggetto non consenziente. Black Jack insiste affinché Jamie partecipi. Paragonato ai precedenti tentativi di stupro di Claire e Jenny, questo, per Jack, è un atto di seduzione. “Sa quello che sta facendo,” dice l’attore Tobias Menzies (Black Jack). “E una parte di lui sta esprimendo la sua sessualità, per quanto contorta. A quei tempi ‘bisessuale’ non significava nulla. La sessualità era molto meno definita. Semplicemente desidera quello che desidera. E non sembra avere nessun complesso o problema o insicurezza in proposito. Non pensa ci sia nulla di strano in questo. Si può anche ipotizzare che ci sia qualcosa di tenero nei sentimenti di Jack per Jamie, che possa addirittura voler essere amato da lui. La loro manifestazione è violenta, ma la fonte è un più semplice impulso umano.”
Questa tenerezza, dopo tutto quel dolore, porta Jamie a sperimentare un momento di, potremmo dire, liberazione. Questo, forse, più dello stupro stesso, porta Jamie a incolparsi e a provare disgusto per sé stesso. “Lo shock che ti sia piaciuto, cosa dice di te?” dice Moore.È un enorme carico di pressione psicologica – cosa pensa di sé, cosa pensa di sé come uomo, come pensa che si ripercuoterà sulla sua relazione con Claire. Cosa dovresti fare in questa situazione?
Per dare agli attori lo spazio e il tempo per approcciare queste profondità psicologiche, Moore ha garantito loro delle prove separate (“che normalmente non abbiamo in programma”) e hanno dato i loro frutti. Mentre ne discutevano fra di loro, Heughan e Menzies hanno coreografato un pezzo insieme che non era nella sceneggiatura, in cui Jack prende Jamie, apre le sue braccia e Jamie si distende nel suo grembo. “Ricorda molto la famosa scultura della Vergine che tiene il Cristo nel suo grembo, [la Pietà di Michelangelo],” dice Moore. “E hanno voluto aggiungere una battuta in cui Jack dice qualcosa come ‘Dunque è questo il tuo piano? Di sottometterti come Cristo sulla croce?’ E noi eravamo tipo ‘Wow, questo è davvero potente e inquietante. Facciamolo.’
La produzione ha anche reso il palco della cella della prigione un set chiuso – non che avessero problemi a tener lontano il cast e lo staff. “Tu letteralmente non amavi stare in quello spazio, in quella cella,” dice Moore. “Era scura. Non era un posto felice in cui stare, che ci fossero gli attori o no.” L’oscurità non era solo questione del soggetto, ma anche la mancanza di luce. L’idea di avere anche una sola finestra in quella cella era stata bocciata, perché doveva essere claustrofobica: “Sei intrappolato senza via d’uscita, sei intrappolato con questo tizio,” dice Moore.
Per girare cronologicamente le scene della prigione di Wentworth ci sono voluti dieci giorni e alla fine di ogni giorno tutti si sentivano svuotati, in particolare gli attori. Così immaginate come si è sentito Sam Heughan l’ultimo giorno di riprese, quando gli è stato chiesto di rifarla, un’altra volta. “Hanno detto ‘Ci piacerebbe un’altra ripresa, di tutta la cosa,” ricorda Heughan. “E io ero tipo, [geme] ‘Oddio.’ Pensavo di essermelo tolto tutto di mezzo. E loro hanno detto ‘Lo rifacciamo solo fino a un certo punto, appena prima che succeda.’ E poi lo abbiamo rifatto fino a quel punto e non hanno chiamato lo stop, così siamo dovuti andare avanti. Mi ricordo di essermi sentito così spaventato e in realtà anche come se la mia fiducia si fosse leggermente spezzata, perché era orribile. Grandioso da recitare, ma orribile. Ma questo è quello che è stato per Jamie – è stato picchiato, torturato e spezzato, completamente!” Ridendo Heughan scherza, “Credo che me lo abbiano fatto di proposito, solo per arrivare a quel punto.”
In seguito, Heughan si è rimesso dalle riprese con l’aiuto di un po’ di whisky e delle Highlands scozzesi. “Alla fine, mi sono semplicemente molto ubriacato e sono andato a camminare nelle colline per un paio di giorni,” ride. La guarigione di Jamie potrebbe richiedere un po’ più di tempo, anche se è stato in grado di sorridere alla fine del finale. “È completamente cambiato,” dice Heughan. “Adesso ha questo passato e questa è la tragedia. Non vedremo mai più il nuovo amore in stile notte di nozze. C’è una sorta di risolutezza che ne viene fuori, quando scopre che Claire è incinta, quindi c’è speranza, ma lui si trova in un luogo strano. E se tutto va bene si ripercuoterà nella seconda stagione.

[x]

0 commenti: