mercoledì 13 maggio 2015

Jenny e Claire, le Thelma e Louise del loro tempo

L'attrice Laura Donnelly parla con THR sull'interpretare la testarda sorella di Jamie.

Attenzione: questa storia contiene spoilers da “The Search” l'episodio di Outlander su Starz
Per uno show che è spesso lodato dalla critica e dai fans per la sua dinamica narrativa e per il personaggio avvincente e femminista che ne sta al timone, sarebbe facile per Outlander adagiarsi sugli allori e farsi bastare questo. Ma la storia basata sui romanzi di Diana Gabaldon è un vero e proprio buffet di interessanti e unici personaggi femminili che sovvertono gli standard così facilmente ripresi dalle serie ambientate negli anni '40 del '700. Uno di questi personaggi è Jenny Fraser (Laura Donnelly), la sorella di Jamie Fraser (Sam Heughan) – una donna che ha davvero dato a Claire (Caitriona Balfe) del filo da torcere nella seconda metà di stagione.

Qui la Donnelly parla con The Hollywood Reporter su com'è interpretare la testarda Scozzese, della sua sovversione all'aggressione di BJR, e se vedremo o no ancora Jenny e Claire insieme nella Seconda Stagione.
 

Con Jenny, lo show ha davvero sovvertito i ruoli di genere di quel tempo – in particolare durante “The Search” quando Jenny e Claire si precipitano a salvare Jamie. E' il concetto di damigella in pericolo che viene capovolto.
Assolutamente! Assolutamente. Mi piace questa cosa di quella scena; mi ha proprio colpita quando lessi per la prima volta il copione, che queste donne potessero comportarsi così come qualcosa uscito da un film Western e salire sui loro cavalli per salvare il ragazzo. È proprio un colpo di scena e noi non abbiamo spesso l'occasione, come attrici, di imbatterci in personaggi come questi. Il nostro produttore le ha descritte come le Thelma e Louise del loro tempo. (Ride)


A dispetto delle loro somiglianze, il rapporto tra Jenny e Claire evolve con trepidazione.
Jenny, non riesco a immaginare di paragonarla ad altre donne. È abituata a gestire la sua proprietà e ad essere il leader della casa. Quindi l'arrivo di Claire automaticamente significa che lei dovrebbe smettere i panni di Signora della casa anche se Claire non ha nessuna esperienza a riguardo. Quindi Jenny non è molto impressionata, ma il loro amore per Jamie le incoraggia a conoscersi meglio e alla fine sviluppano comprensione e rispetto l'una per l'altra.
 

È divertente dare ai personaggi più sfumature.
Loro non si buttano l'una nelle braccia dell'altra come sorelle all'inizio, e mi piace il fatto che il loro rapporto richieda molto tempo per svilupparsi. Anche con il tempo che trascorrono insieme nella Prima Stagione non sento come se fosse risolto o sviluppato appieno.
 

Come la scena della gravidanza in “The Watch”
Sì, è una delle scene che mostra lo sviluppo del loro rapporto e forma quel legame tra loro – quello per cui sono in grado di mettersi in relazione l'una con l'altra in quanto donne, inizialmente, sulla questione di avere figli e poi la realtà di Jenny che entra in travaglio. Con le sue abilità mediche, Claire aiuta davvero Jenny, che comunque non è una donna naturalmente vulnerabile. Non le piace ritrovarsi in una situazione di vulnerabilità, ma si ritrova a dover contare su Claire e a mettere la sua vita nelle sue mani.
 

Jenny viene rappresentatata quasi come una che si occupa della propria e della sopravvivenza delgi altri, il che rende l'arrivo della Guardia quasi una sorpresa.
Jenny è soprattutto una sopravvissuta, perchè quella è la realtà del suo tempo per lei, e lei lo farebbe in qualsiasi modo. Sa di essere tra l'incudine e il martello, ha la possibilità di avere un accordo con gli uomini di McQuarrie, permettendo loro di fare ciò che vogliono, o lei rischia di trovarsi nelle mani degli Inglesi. E per lei è il minore dei mali perchè almeno quello è qualcosa che può tenere sotto controllo. Ha trovato un buon equilibrio nella sua vita: non gli permette semplicemente di andare a casa sua ed essere come vogliono, lei ha una lingua tagliente – fa una frecciatina a McQuarrie per essere un ladro – e chiarisce che non apprezza la loro presenza ma vede la cosa come necessaria per la loro sopravvivenza.


Come quando ride di Black Jack Randall durante il tentativo di violenza. Jenny davvero lo disarma in un certo senso perchè lui non se lo aspettava – e non è una cosa che si vede spesso in TV.
Penso che sia un buon cambiamento vedere una donna che reagisce a quel modo. Jenny in quel momento non sa nemmeno perchè lo fa; è solo la sua ultima possibilità. Sa che non può lottare fisicamente contro di lui – ci ha provato – e sa che non sarebbe arrivato nessuno in sui soccorso, quindi fa solo la prima cosa che le viene in mente. E funziona! È intelligente da parte sua, è spontaneo! Non è una che semplicemente si arrende ad essere la vittima e questo dimostra che BJ non sapeva in cosa si stava cacciando quando ci ha provato con Jenny. Dice molto sul personaggio.
 

E lei incarna molto di ciò che rende tali i Fraser (e quindi anche Jamie), semplicemente essendo sé stessa.
È divertente quando conosci qualcuno e poi incontri i suoi fratelli – ne trai un senso di ciò che sono perché quando riesci a riconoscere dei tratti simili nella famiglia capisci esattamente perchè sono come sono.
 

La relazione tra fratelli di Jenny e Jamie si è crogiolata in un anno di incomprensioni che escono fuori genuinamente.
Bè, è un problema grande che hanno bisogno di superare, e succede spesso nelle famiglie – che le persone trascinino queste incomprensioni per anni. Penso che sia una parte molto realistica della vita delle persone. Ho amato il modo in cui sono arrivati ad una spiegazione alla fine perchè entrambi si sono ritrovati a scusarsi con l'altro. E questo è essenzialmente ciò che distrugge le barriere, i rari momenti di umiltà l'uno con l'altra. Non è facile per loro, e certamente non è facile per Jenny chiedere scusa.
 

Allora, cosa dobbiamo aspettarci dalla Seconda Stagione?
C'è ancora moltissimo da fare! Nella Seconda Stagione ci sarà molto di più da osservare sulla relazione tra Claire e Jenny e altri posti in cui andare. Sarà molto divertente.

0 commenti: