giovedì 16 ottobre 2014

Sam Heughan e la recitazione

Non direste mai guardando l'attore Scozzese Sam Heughan nella attesissima serie Outlander che lui sia tremendamente timido.
Non sono interessato alla fama o al far conoscere alle persone chi sono,” ci ha detto Heughan, seduto in un hotel di Pasadena.
Penso che riguardi più i personaggi che racconti. E tu ti puoi nascondere dietro di loro...sembra strano dover essere sé stessi. Preferirei, piuttosto, essere qualcuno di diverso.”

Lo stesso vale per gli altri ruoli, ha detto.
Succede con ogni personaggio : ti prendi carico della loro vita e vivi a modo loro.”
Heughan (“HEW-uhn”) certamente si è guadagnato il suo posto nella serie mistica della Starz, che ha avuto la sua Premiere il 9 Agosto. Nel 1945, un'infermiera militare sposata viene improvvisamente scagliata indietro nel tempo al 18esimo secolo, dove incontra un intrepido guerriero, Jamie Fraser, interpretato da Heughan.
A quel tempo, le persone dovevano crescere in fretta,” ci dice. “C'erano molti pericoli. Un uomo intorno ai 40 anni era considerato vecchio. E Jamie ha la sua storia: è stato fustigato, picchiato, ha avuto un infanzia difficile, ha imparato la disciplina, veniva punito dal padre. Ma si tratta solo di una giustizia sommaria. Quindi penso di poter portare quel lato della questione. È molto interessante vedere quale parte della tua vita fai emergere per ogni personaggio.
Heughan ha portato a galla per il ruolo le proprie sfide. Suo padre ha lasciato la famiglia quando lui aveva 3 anni. Sua madre era una studentessa e svolgeva diversi lavoretti, incluso una piccola mansione come calzolaia, per prendersi cura dei suoi due bambini.
Più tardi, cominciò ad insegnare; ora, lavora nell'arte della stampa e della produzione di carta.
Nonostante abbia trascorso la maggior parte della sua vita senza il padre, Heughan 34 anni, ebbe la possibilità di costruire un legame con lui prima della sua recente scomparsa.
Non l'ho conosciuto molto, ma sono stato molto fortunato. Ho passato del tempo con lui proprio prima che morisse,” racconta.
L'attore ha fatto visita al padre per l'ultima volta in una baita di montagna in Canada.
Camminavo avanti e indietro,” ci ha spiegato, “e ho visto un aeroplano modello Spitfire, e io avevo fatto un film su un pilota di Spitfire, intitolato First Light. Questo mi fece realizzare...che lui stesse seguendo la mia vita, certo,  a distanza, ma la stava seguendo.”
Heughan era affascinato dalle opere teatrali che vedeva da adolescente, ma questa passione non si tradusse immediatamente in recitazione.
 “Quando finii la scuola, viaggiai per due anni,” ricorda. “Avevo 18 anni e non sapevo nemmeno dove stessi andando, e prendevo bus lungo la strada della costa ovest verso il Messico. Andai al Grand Canyon, in Texas e a Las Vegas. Non potevo permettermelo. Avevo abbastanza soldi solo per il bus e avevo circa 300 dollari in tasca. Andai a New York con abbastanza denaro per alloggiare in un ostello, e ricordo di aver avanzato solo 20 dollari. In quel tempo mentre viaggiavo, giunsi alla conclusione che volevo diventare un attore. E che mi stavo dando una possibilità per farlo.”
Heughan studiò per tre anni alla Royal Scottish Academy of Music and Drama a Glasgow, dove uno dei tutor gli disse, al suo primo anno, che non aveva talento. Al suo secondo anno ottenne il ruolo di Romeo.
E a quel punto qualcosa è scattato,” ci disse, schioccando le dita.


0 commenti: