domenica 26 ottobre 2014

Intervista a Diana Gabaldon -Seconda Parte-

La serie Outlander di Diana Gabaldon è stata definita “La più brillante ambientazione di una storia fanta-scientifica e romanzo d'avventura mai scritto da un laureato in ricerca scientifica con una storia alle spalle nella scrittura di fumetti su Paperon de Paperoni”. La serie è ora in onda come adattamento per la TV grazie al Ron Moore di Battlestar Galactica e ha avuto il suo esordio con la Starz il 9 agosto 2014.
Questa intervista apparve per la prima volta su Wirend.com, il podcast di The Geek's Guide to the Galaxy, presentato da David Barr Kritley. Visita geeksguideshow.com per ascoltare l'intera intervista e il resto dello show, in cui il presentatore e i suoi ospiti discutono vari argomenti geek. 

=Seconda parte dell'intervista= 

Potresti parlarci dei lettori maschi in generale? I tuoi libri, penso, abbiano un pubblico femminile predominante perché sono stati pubblicati inizialmente come romanzi. 
Sì, è proprio per questo che hanno un pubblico femminile predominante. Mi ci sono voluti anni per fare in modo che Barnes & Nobles li togliesse dalla sezione romanzi, ma alla fine ce l'ho fatta. Quando ho venduto il libro, fu acquistato da un editore generico che lo comprò perché mi disse, “Questo è il miglior libro che abbia mai letto,” e lo portò al suo incontro editoriale dicendo la stessa cosa. Loro dissero, “Oh bene, che tipo di libri è?” E lei guardandoli disse, “Non ne ho idea.” Ci furono molte discussioni sul marketing, di cui non ero al corrente. Non avevo idea che stesse prendendo loro così tanto tempo, ma gli ci vollero diciotto mesi.
Lo scoprii solo molto dopo quando si arrivarono vicino a cancellare il contratto e ridarmi il libro perché non riuscivano a decidere come collocarlo. Questo prima che Amazon e altri mercati online rendessero possibile avere più categorizzazioni per un libro, e così per tutti i libri che in una libreria andavano su uno scaffale; lo scaffale aveva un'etichetta, quindi bisognava identificare il libro con qualcosa, ma loro non riuscivano a decidere cosa fare perché a dire il vero non è bianco o nero, è una malgama di forse sei o sette diversi generi che personalmente mi è piaciuto mentre scrivevo il libro.
Alla fine, il mio agente mi chiamò e disse, “Bè, hanno capito cosa fare del tuo libro.” mi disse, “E' un accordo copertina rigida/ flessibile, per la copertina rigida è facile.  Andrà davanti con le altre copertine rigide." Questo era ancora ai tempi di B. Dalton e Waldenbooks, e questo è tutto quello che c'era. Tutti quelli in copertina rigida venivano messi insieme nella parte anteriore. E lui disse, “Ma vorrebbero provare a venderlo in brossura come romanzo.” E io, “Cosa? Io leggo romanzi. Ho letto romanzi ben scritti, ma ne ho letti abbastanza per sapere che non è quello che sto scrivendo.” Quindi avevo due obiezioni. Puoi chiamarlo romanzo e non verrà mai recensito dal New York Times – non che sia un grosso problema, posso conviverci- ma più importante, taglierà fuori la metà maschile dei miei lettori. Dissi, “Ci sono cose in questi libri che gli uomini vedono e che le donne non vedono, e ci sono cose a cui loro rispondono in modi diversi rispetto alle donne. E non mi piacerebbe perdere questa cosa.” Bè, lui era un uomo e disse, “Sì, capisco.” continuò “Potremmo insistere per farglielo inserire nella sezione fantascienza o fantasy per via degli elementi soprannaturali. Ma ricorda che un bestseller fantascientifico ha un pubblico di 50.000 persone in brossura; un bestseller romance ne ha 500.000.” e io “Okay, ha toccato il punto.”
Come disse  il mio primo editore, “Devono essere libri 'passaparola', perché sono troppo particolari per descriverli a chiunque,” il che è totalmente vero. Quello che capii è che ovviamente aveva molto più senso esporlo ad un pubblico di 500.000 persone che ne avrebbero parlato ai loro amici, piuttosto che iniziare con 50.000 e crescere più lentamente perché, una volta che qualcuno aveva letto il libro, avrebbe immediatamente riconosciuto che non era ne questo ne quello ,ma qualcosa di completamente diverso e avrebbe detto agli amici che era il miglior libro che avesse mai letto.
Quali sono alcune di queste cose che i tuoi lettori maschi e femmine tendono a vedere in modo diverso?

Tendono a vedere certe situazione in modo diverso. Per esempio, non ho mai, e poi mai avuto un lettore di sesso maschile, anche vagamente turbato dalla scena della sculacciata, considerando, come ho detto, le reazioni delle giovani lettrici. Ma gli uomini, capiscono le origini di Jamie; simpatizzano con lui, e conseguentemente, considerano alcune scene più divertenti di qualsiasi altra. Non rimangono seccati, mentre alcune donne lo trovano profondamente erotico. Bè, a dire il vero anche alcuni uomini, ma questa è una somiglianza piuttosto che una differenza.
Altre sono scene che coinvolgono- non sono sicura di come chiamarle – azioni anti-sociali. Ci sono dei casi in cui, per esempio, un uomo trova una ragazza che è quasi bruciata fino a morire perché la sua casa ha preso fuoco, e lui la trova vicina alla morte nella polvere e , incapace di lasciarla soffrire ancora, la soffoca. Gli uomini sono okay con questa cosa. Lo trovano molto triste, e mi raccontano di quanto sarebbero tristi nel farlo, ma la mettono sempre in questo modo, “devono farlo”, mentre le donne scrivono e dicono, “Oh, non avrei mai potuto farlo.” E' come se loro sentissero di avere un'altra scelta mentre gli uomini no.
So che gli uomini sono molto più schizzinosi delle donne nelle scene in cui Jamie viene torturato?


Ho appena avuto l'occasione di spiegare a una delle persone della produzione una battuta nel copione in cui era coinvolta una situazione di sodomia non consensuale, e il personaggio doveva dire, “Mio padre non avrebbe avuto nulla in contrario alla sodomia,” al quale io avevo scritto come risposta, “Oh, scommetto che ce l'avrebbe.” Questa è una risposta che prende lo stomaco gli uomini eterosessuali. Non è che loro abbiano delle obiezioni riguardo chi vuole farlo. È solo che lo trovano personalmente repellente. Non ci vogliono nemmeno pensare.
Ma tutti quelli coinvolti nella produzione sono stati bravi a mantenere questo genere di cose?

Sì, sono molto molto gentili nell'includermi nelle discussioni sullo show. Sono abbastanza gentili da chiedere la mia opinione, ma senza nessun accordo legale che li costringa ad accettarla. Ma sono attenti, e se hanno un dubbio, il che è molto raro – sono estremamente felice di ciò che stanno facendo e non mi sognerei di intromettermi – ma qualche volta, puntualizzo qualcosa e dico, “Questo non accadrebbe nel diciottesimo secolo in Scozia perché...” In questi casi, faranno qualcosa per cambiarlo o per aggiustare la situazione.
Ti vengono in mente altri esempi di te che hai dato suggerimenti e loro che hanno aggiustato le cose?
 

Sì, c'era una scena, era una scena di passaggio dove Claire si imbatte di un gruppo di donne che la invitano ad unirsi a loro per un tè mentre giocano a carte e chiacchierano. Io dissi, “Nel diciottesimo secolo in Scozia, tutti consideravano giocare a carte come un biglietto per l'inferno. Non troveresti un mazzo di carte dovunque nelle Highlands Scozzesi,” e “E non avresti trovato nemmeno il tè.” Solo nelle grandi città come Edimburgo o Inverness, ma non nei remoti villaggi. E “Inoltre, in quelle remote highlands queste donne lavoravano per diciotto ore al giorno. Allatterebbero capre o taglierebbero l'erba, o si occuperebbero della follatura della lana.” Questa è una parola specifica che significa che due file di donne si siedono con un po' di tessuto di lana appena tinto e lo inumidiscono con urina bollente, e poi lo sbattono e lo tirano con le mani o in alcuni casi cono i piedi  con un enorme rotolo di vestiti. Ciò che porta è fissare il colore – l'urina bollente è un mordente per la tintura – e anche per renderla resistente all'acqua. È un processo che richiede molto tempo, quindi durante gli anni le canzoni per la follatura della lana si sono evolute e ci sono molte canzoni tradizionali, quindi avrebbero fatto qualcosa più simile a questo. Quando vidi il montato di quel pezzo, erano stati al Highland Folkways Museum e aveva introdotto le donne e la follatura della lana e Claire si era unita a loro. Quindi ero molto compiaciuta si è rivelato di enorme effetto.
Wow, sì, piuttosto bello. Stavo leggendo un articolo, non mi ricordo da dove fosse estrapolato esattamente, ma parlava di come le persone sono solite pensare che leggere romanzi sia pessimo per il carattere.
 

È totalmente vero. I concetti culturali sono una delle cose più affascinanti sui romanzi storici, ma in alcuni casi, c'è sempre una tentazione tra gli scrittori storici di sfumare le cose da un punto di vista moderno. Non mostreranno persone che fanno qualcosa che sarebbe stato perfettamente normale per quel tempo, ma che è considerato riprovevole oggi. Per esempio, donne che bevono mentre sono incinta. Ho avuto molte persone – costernate per il fatto che Claire beve mentre è incinta. E io dico, era nel 1743. Tutti bevevano vino, e infatti, Claire viene dal 1945, non c'era assolutamente nemmeno l'idea che bere alcool durante la gravidanza avrebbe potuto causare qualche tipo di problema. Il pensiero che non si deve bere in gravidanza è molto, molto successivo. Infatti, ho avuto il mio primo figlio nel 1982, e mi veniva detto dalle infermiere, “Bevi un bicchiere di vino a cena, ti aiuterà a rilassarti.”
Quindi era l'America del diciottesimo secolo, questo periodo di cui scrivi, un tempo in cui leggere romanzi era considerato spospetto?
 

Sì, infatti, Nathanael Greene, il generale Quacchero di cui ho parlato prima, disse di aver rotto con la sua setta perché suo padre considerava la lettura un passatempo che separava gli uomini da Dio, mentre lui era un avido lettore.
Parlando di avidi lettori, parlaci delle Ladies di Lallybroch.
 

Sono i più vecchi tra i fan group online. Si formarono nel 1994, in parte come mezzo per avere un luogo per condividere con altri lettori. Mi hanno raccontato di aver tentato di entrare in diversi siti di discussione su libri perlopiù siti su romanzi, quando il libro era venduto come romanzo, e mi hanno detto che l'accoglienza che ricevettero fu così ostile e negativa da parte delle persone – certificate come lettori di romanzi- che dicevano, “Bè, ma non è un romanzo.” In generale, venivano mandate via così fondarono il loro gruppo, che è un gruppo di lunga data. Penso che avessero circa 10.000 membri o avessero raggiunto quel picco. Era mondiale. Sono stata ad alcuni dei loro incontri in cui c'erano persone dalla Nuova Zelanda e dal Giappone.
C'è stato un raduno anche a Seattle, giusto? Recentemente?
 

Sì, ma non erano loro. Era un incontro con i fan tenuto dal mio editore la Random House. Non ho idea da dove se ne sono usciti con questa idea, ma era tre giorni prima della pubblicazione e mi dissero, “Vogliamo che vieni a trascorrere il giorno con 500 fans.” Io ho detto okay e loro, “Tutti avranno un libro gratis, una copia gratuita di Moby così potranno averlo prima della pubblicazione. E potranno comprarne una copia in più per i loro amici se vogliono, e noi avremo un bel programma per loro.” La Starz ha partecipato portando dei trailer speciali che avevano fatto apposta. Ma non mi spiegarono l'idea, volevano che nutrissi il mercato con tutte queste persone entusiaste che avevano visto i trailer e avevano avuto la possibilità di leggere il libro prima della pubblicazione e che parlassero di questo sui blog e i siti, e questo è quello che è successo.  
In cosa consisteva il programma che hai menzionato?

 Bè, ho parlato, ho fatto un discorso e poi ho autografato i libri, e ci è voluta qualche ora. C'erano dei ballerini Scozzesi. C'erano dei comici – non saprei dire esattamente cosa stessero facendo, ma sembravano divertenti. Stavano cantando alcune frasi dei libri facendo partecipare il pubblico. C'erano artigiani del diciottesimo secolo e uno chef specializzato in ricette del diciottesimo secolo prese dai miei libri. Era di Outlander Kitchen, e ne ha fatte parecchie. Poi i trailer della Starz, seguita da panel con me e le Starz lady, e i publicist dalla Random House e il mio editore e il ben conosciuto rivenditore della mia città. La Poisoned Pen si occupava delle vendite dei miei autografi. In altre parole, prendono le pre-ordinazioni e consegnano in tutto il mondo, quindi se volete un libro personalizzato, li chiamate e io vado al negozio una volta alla settimana o due e firmo tutto, e loro spediscono. È un rapporto di lunga data. Ma comunque, tutte queste persone stavano parlando del loro rapporto con i miei libri, cominciato con Outlander, e con me. È stato bello, e c'era un video carino fatto dai fans che sono stati invitati a inviare piccole clip che parlano di “cosa ha significato Outlander per loro”. È stato molto toccante, molto dolce, e poi un'ora e mezza di incontri e complimenti, con cocktails e snacks del diciottesimo secolo nel pomeriggio. Il tutto è stato splendidamente organizzato, svolto molto bene e tutti sembravano divertirsi.
Quando le persone parlano di quanto i tuoi libri significano per loro, c'è qualcosa che dicono che colpisce particolarmente?
 

Diverse persone hanno storie molto commoventi, specialmente quelle che dicono di essersi avvicinate ai libri nel mezzo di una crisi, o di terribili problemi di salute, o quando qualcuno di caro è morto. E hanno scoperto che i libri erano talmente avvincenti che potevano rifugiarvisi e che, penso direste, l'atmosfera del libro li ha risollevati, e li ha fatti sentire protetti e rincuorati, il che per me come autore è piuttosto gratificante.
Quale tipo di reazione hanno avuto i tuoi fans alle parti di show tv che sono state rilasciate pubblicamente?

 Hanno assolutamente adorato ogni piccola cosa vista, e sono abbastanza certa che ameranno anche la serie. Ho visto il primo episodio completo, completo di titoli etc, alla proiezione della Sony il mese scorso, e è stato semplicemente favoloso.
Ho sentito persone parlare di quanto sia hot Sam Heughan.

È un attore adorabile, così come Caitriona [Balfe], che interpreta Claire.
Qualcuno però diceva che i suoi occhi erano del colore sbagliato o qualcosa del genere?

Bè, c'è sempre qualche piagnisteo. Oh, i suoi occhi sono blu, non penso di poter sopportare di vedere lo show! È il diciottesimo secolo. L'illuminazione è tale che per il novanta per cento del tempo, non si può dire di che colore siano gli occhi di chiunque, e questo è del tutto irrilevante per il personaggio. È solo che le persone sviluppano le proprie vivide immagini mentali basate su ciò che c'è nei libri, che è un complimento per la scrittura, penso, ma allo stesso tempo, è ovviamente completamente impossibile per la produzione estrapolare telepaticamente quelle immagini da 20 milioni di persone e tradurle in qualcosa che sia immediatamente riconoscibile ai 20 milioni di persone, e trovare un attore che incarni questo e che sia in grado di recitare. È sciocco. Penso che le persone passeranno presto sopra a queste cose, tipo dopo cinque minuti dall'inizio dello show.
Lo show sembra grandioso, e so che sono tutti molti eccitati per questo nuovo libro. Vuoi raccontarci cosa succederà? Ci sono dei nuovi progetti di cui vuoi parlare? 

Ce ne sono molti. Al momento sono in tour e non potrò lavorare fino a che non torno a casa. Ho due settimane di pausa a luglio, ma a parte questo, sarà non-stop da ora a settembre, che sarà quando potrò riprendere la mia routine di scrittura. Ma sono a metà di una novella crime. C'è un nono libro che sta aspettando di avere la mia attenzione. C'è un prequel sui genitori di Jamie Fraser, Brian e Ellen, e sulla rivolta Giacobita del 1715. Un certo numero di interessanti novelle. Ho scritto delle novelle per colmare delle lacune, quindi ci sono tutti questi piccoli germogli collocati nel corpo principale dei libri. C'è anche il secondo Outlandish Companion, che il libro nonfiction che accompagna la serie. Il primo Companion, che è stato molto popolare, copre i primi quattro libri della serie. Il secondo volume coprirà gli ultimi quattro libri e includerà qualsiasi tipo di dettagli e informazioni di fondo a cui le persone sono interessante. L'85% è pronto, e con un po' di fortuna, potremmo forse farlo uscire per la primavera.

0 commenti: