domenica 10 luglio 2016

Graham McTavish e l'ultima battaglia di Dougal

Outlander è arrivato al suo finale di stagione e mentre gran parte della puntata è ambientata nel 1968, c'è ancora una grande attenzione per l'imminente battaglia di Culloden.

**Spoiler alert! Questo articolo contiene spoiler della trama dell'ultima puntata**
Il personaggio di Graham McTavish, il war chief Dougal MacKenzie, è stato uno dei più forti e feroci guerrieri delle Highlands nello show, ma la sua dedizione alla causa - il ripristino sul trono della casata degli Stuart - lo ha ucciso. Prima della battaglia di Culloden, Dougal sente Jamie e Claire Fraser complottare per uccidere Bonnie Prince Charlie e fermare la battaglia.

Dal loro punto di vista, illuminato dalle nozioni storiche di Claire in qualità di viaggiatrice nel tempo che sapeva come la battaglia sarebbe finita, sarebbe stato il prezzo da pagare per salvare la vita degli Highlanders. Ma, dal punto di vista di Dougal, da leale giacobita, era un vero e proprio tradimento.
Ha impugnato le armi e ha attaccato il nipote e Claire, ma alla fine, i Fraser hanno preso il sopravvento e Dougal è stato ucciso.
AccessHollywood ha parlato con Graham McTavish sul suo addio allo show.

Claire e Jamie ne sono entrambi responsabili [della morte di Dougal]. Sapevi [che l'uscita di scena del tuo personaggio] stava arrivando. E' difficile da fare? E' stato difficile dire addio a questo personaggio?
Graham McTavish: Sicuramente, sicuramente. E' difficile dire addio. Sempre. Quando ci si è affezionati - non solo al personaggio che si sta interpretando, ma ai personaggi con cui si interagisce, è difficile, ma è la storia che stai raccondando e vuoi fare del tuo meglio per raccontarla nel miglior modo possibile e questo è il punto sui cui ci siamo focalizzati il giorno delle riprese. Ci sono state moltissime risate, a dire il vero, in quel giorno. Voglio dire, l'abbiamo fatto davvero, perché quando finalmente mi uccidono, sono entrambi sopra di me con le mani giunte sul pugnale conficcato nel mio petto. Dato che mi ribello, Jamie sta spingendo e Claire lo aiuta ed è il suo peso ed il suo coinvolgimento che finalmente segna il mio destino. E così, c'era questa grande immagine dal mio punto di vista di questi due che sembravano una sorta di Macbeth e Lady Macbeth, ma non voglio dilungarmi sul paragone, ma sono complici in quel momento e...volevamo davvero mostrare che Claire non era patetica, passiva o debole da restare a guardare il marito mentre uccideva, volevamo che fosse coinvolta ed è per quello che volevamo quel momento. Ma non mi sono perso l'occasione di fare qualche bella foto con il mio iPhone di loro due sopra di me con il coltello, perché ho pensato che l'ultima cosa che Dougal MacKenzie vedrà sono loro due sorridenti (ride), finitelo e basta. Deve essere stato il modo peggiore per lui di andarsene, credo. L'avrebbe odiato. Odiato. Già è abbastanza brutto morire ma...


Pensa che stiano tradendo la causa.
Oh sì!
 

Così, per lui, è tipo 'Ma che cavolo...?' 
Assolutamente, assolutamente. E poi, penso che ciò che lo affligge di più - in quel momento, più della sua stessa morte - sia quello che sa che sta per accadere, ciò di cui hanno parlato - l'uccisione di Bonnie Prince Charlie. Questo è ciò che lo preoccupa, è per questo che li ha attaccati, è per questo che sta cercando di ucciderli. Non è che lui voglia particolarmente vedere Jamie morto. Beh, si potrebbe sostenere che lo voglia, ma in quel momento non si prende nessun piacere nel farlo. Gli dico anche - l'abbiamo girata in un modo molto consapevole con io che sono l'unico ad avere un'arma in quel momento e gli dico 'Per l'amor di tua madre, ti ammazzerò velocemente.' Non ho intenzione di farti soffrire, solo vieni qui e facciamo finita in fretta. Non te ne accorgerai neanche e questo dice quanto sia una lotta molto fredda, deliberata. Quindi non ci sono molte urla e grida e tutto il resto. Sono due persone che lottano davvero fino alla morte - una morte letterale - e, purtroppo, sono io che muoio.

Graham, cosa ti mancherà di più del far parte dello show?
La cosa che mi mancherà di più di Outlander è la Scozia, onestamente. E' stato come innamorarsi di nuovo del mio paese ed è stato ancora più piacevole essere in un bel gruppo di persone che hanno condiviso questo viaggio e mi mancheranno tutti quanti loro. Mi mancherà il ridere, in realtà. E' stato uno dei set più allegri in cui io sia mai stato e sono state fatte delle scelte molto buone per le persone nel cast perché tutti andavamo d'accordo e non accade sempre e soprattutto siamo ancora tutti amici. Ho ricevuto un messaggio da Duncan [Lacroix] recentemente (ride)...e ho visto Sam l'altra settimana e ci siamo divertiti insieme, quindi questi rapporti continueranno. Ma la reale esperienza fisica di stare in mezzo a campi pieni di fango in quei bellissimi paesaggi... sì, mi mancherà moltissimo.

0 commenti: