giovedì 7 maggio 2015

Il parto di Jenny


La sceneggiatrice di Outlander parla della scena “intima” del parto di Jenny e di come i Soprano hanno ispirato la storia di Jamie.

"Ciò che queste due donne affrontano insieme le lega veramente”, Toni Graphia racconta a THR della “sorellanza” post-travaglio di Jenny e Claire.
La vita di Jamie Fraser è ancora una volta nelle mani dei suoi nemici. Dopo l’arrivo di una banda di vagabondi scozzesi capeggiata da Taran MacQuarrie (Douglas Henshall) , Jamie (Sam Heughan) viene nuovamente catturato dalle Giubbe Rosse. Ma questa è solo una parta del dramma, l’arrivo della piccola Margareth, la figlia neonata della sorella di Jamie, Jenny (Laura Donnelly), porta infine alla rivelazione che Claire (CaitrionaBalfe) potrebbe in realtà essere sterile.
The Hollywood Reporter ha parlato con la sceneggiatrice Toni Graphia del passato oscuro di Jamie, di come i Soprano hanno ispirato la serie e della scena intima del parto di Jenny.

Questo è un episodio che in realtà è più un misto di eventi tratti dal libro e di altri scritti appositamente per la serie.
Sì. The Watch (La Vigilanza) è il perfetto esempio di combinazione delle storie che noi [creiamo] con quello che c’è nel libro. Non credo che li vediamo mai nel libro, ma se ne parla come di questa presenza temuta, vagante per le Highlands. Così come Horrocks. Così abbiamo deciso che sarebbe stato un episodio creato dal nulla.

Allora, com’è che è venuto fuori il tutto?
Nel libro la parte di Lallybroch è una sorta di periodo di quiete e nel libro lo apprezzi veramente come un attimo di fiato. Ma in una serie televisiva non puoi avere due episodi di pausa. Devi far aumentare la tensione, questo è il motivo per cui abbiamo messo molto più conflitto fra Jenny e Jamie nel primo episodio. Ma nel secondo abbiamo deciso di usare una minaccia esterna.

E se la Vigilanza scopre della taglia sulla sua testa, Jamie è finito, sul serio.
Sì, così c’è questa grande tensione di lui che deve nascondere la sua identità e agisce come se accogliesse questi tizi quando in realtà li odia fino al midollo. Quello che ce lo ha veramente ispirato è stato il nostro amore per i Soprano. Tutti nello staff sono dei grandi fan dei Sopranos, così abbiamo posto l’episodio come “E se Tony Soprano prendesse residenza in casa tua?” Che è ciò che la Vigilanza avrebbe fatto allora, perché erano quello, estortori. Così Jamie deve stringere i denti e sopportare e questo causa conflitto fra lui e Jenny. A lei non piace tanto quanto a Jamie, ma che scelta aveva?

McQuarrie è un personaggio creato per la serie, ma il suo rapporto con Jamie ci dà molte informazioni su l’uomo che era prima.
Abbiamo inventato il personaggio di Taran McQuarrie, ma l’idea era che lui fosse ciò che Jamie sarebbe potuto diventare se non avesse incontrato Claire. Jamie non era un santo prima. Era un criminale e un fuorilegge quando Claire lo ha incontrato [e noi] volevamo che creasse un po’ di dilemma in Jamie. Volevamo che questo tizio lo tentasse e gli dicesse “Ci sono un sacco di soldi da fare e un sacco di avventure da vivere” e c’è una piccola parte di Jamie che ne è tentata. 

È un cambiamento interessante considerando quanto non amasse McQuarrie all’inizio.
Il trucco era rendere McQuarrie piacevole. Il loro comune passato da soldati ha come risultato il fatto che a Jamie, anche se con riluttanza, questo tizio piace. Non è una cattiva persona. È solo che, forse, il suo passato lo ha portato a compiere le scelte che ha fatto e abbiamo solo pensato che fosse un rapporto interessante.

Il cambiamento più grande è Ian (Steve Cree) che uccide Horrocks.
Beh, è qualcosa che abbiamo aggiunto. Nella prima bozza in realtà era Jamie ad ucciderlo, ma Jamie sta cercando di non causare guai – è tornato a Lallybroch per non dare nell’occhio – quindi l’ultima cosa che vuole è uccidere qualcuno e causare problemi.

Ian che uccide Horrocks mostra anche la profondità della loro amicizia.
Diana [Gabaldon] ha scritto di questo, ma non nel libro. Ha scritto questi racconti brevi in aggiunta e ce n’è uno sulle avventure di Jamie e Ian in Francia, quando erano nell’esercito insieme. (N.d.T. Virgins) L’ho letto e ho pensato che fosse davvero affascinante. Ma è stato [il produttore] Matt Roberts che ha supervisionato le riprese dell’episodio a dire “E se invece fosse Ian a uccidere Horrocks?” Abbiamo pensato che sarebbe stato fantastico, perché allora avremmo mostrato che anche a Ian, che si è sistemato e ha scelto quella vita, a volte mancano quei giorni. Jamie quindi vede i due estremi: McQuarrie il criminale da un lato e Ian il devoto e diligente marito dall’altro.  

Occupiamoci ora della gravidanza, perché la scena del parto davvero rafforza poco a poco la relazione fra Jenny e Claire e le lega l’una all’altra.
Nel libro chiamano la levatrice e Claire ha il suo momento alla “io non sapere niente di nascite di bambini” di Via col Vento. Perché lei era un’infermiera militare, lei sistemava soldati e ferite. Non aveva avuto a che fare con le nascite. Nel libro lei è una spettatrice [ma] in TV nessuno vuole vedere la levatrice far nascere il bambino, vogliono vedere Claire e Jenny in questa situazione intima.

Il monologo di Jenny e l’atto della nascita sicuramente l’hanno fatto.
Quello che volevamo fare era l’esatto contrario di ogni altra serie TV, in cui c’è semplicemente una donna distesa nel letto che urla e “spingi, spingi, spingi!” Non volevamo vedere questo di nuovo. Il nostro regista [Metin Huseyn] è stato realmente quello che ha avuto l’idea di Jenny che gattona in giro sul pavimento. Era molto più primitivo allora.
Ma la parte importante di quel monologo è come questo arriva a Claire, perché lei ha provato per anni ad avere un bambino e non ci è riuscita e pensa di essere sterile. Il desiderio di essere ciò che vuole ma che non può essere interpretato nella scena della nascita.Ciò che queste due donne affrontano insieme le lega veramente, dà a Jenny la possibilità di apprezzare Claire e permette a una sorellanza di scaturirne fuori.

E sembra portare Claire a dire a Jamie della sua propria impossibilità nell’avere figli.
Tutti amano quella parte nel libro in cui Jamie dice è ok e non si preoccupa di non poter aver figli. Ma lui voleva una famiglia e la scena è girata in modo che lui fa la cosa giusta con Claire, la conforta, ma quando lei esce indugiamo su di lui e vediamo che è davvero devastato, ma copre il suo dolore perché la ama.

0 commenti: