lunedì 9 dicembre 2013

Virgins...

Jamie si svegliò con la bocca secca, confuso e con gli occhi mezzi gonfi per le mosrsicature di moscerino. Stava anche piovendo, una fine foschia umida gli scendeva addosso attraverso le foglie. Nonostante tutto, si sentiva meglio di quanto si fosse sentito nelle ultime due settimane, anche se non ricordava il perchè lo fosse o il dove si trovasse.
"Ecco." Un pezzo di pane semi carbonizzato strofinato con dell'aglio gli venne spinto sotto il naso. Si mise a sedere e lo afferrò.
Ian. La vista del suo amico gli diede una certezza, e il cibo nel suo ventre un'altra. Masticava lentamente guardandosi intorno. Gli uomini si stavano svegliando, allontanandosi per pisciare, emettendo dei bassi brontolii, strofinandosi la testa e sbadigliando.
"Dove siamo?" Chiese. Ian lo guardò.
"Come diavolo hai fatto a trovarci, se non sai dove sei?"

"Mi ci ha portato Murtagh" mormorò. Il pane diventò colla nella sua bocca mentre gli tornava la memoria; non riuscì a deglutire e sputò il pezzo mezzo masticato. Ora ricordava tutto e desiderò non averlo fatto. "Ha trovato il gruppo, ma poi se n'è andato; ha detto che sarebbe stato meglio se fossi venuto per conto mio."
Il suo padrino aveva detto, infatti, "il giovane Murray si prenderà cura di te adesso. Stai con lui, bada bene - non tornare in Scozia. Non tornare, mi hai sentito?" Aveva sentito. Non significava che aveva intenzione di ascoltare.

"Oh, aye. Mi chiedevo come tu fossi riuscito a camminare tanto lontano." Ian lanciò uno sguardo preoccupato all'altro lato del campo, dove una coppia di robusti cavalli veniva portato sul sentiero di un carro coperto. "Riesci a camminare, credi?"
"Certo. Sto bene." Jamie parlò stizzito e Ian gli rivolse di nuovo lo sguardo, ancora più indagatore di quello precedente.

"Aye, certo," disse, in tono incredulo.

2 commenti:

tsukino ha detto...

Mamma mia questo racconto diventa sempre più pazzesco *.*

FreeScots Methos ha detto...

concordo! non l'ho ancora letto perchè mi hanno suggerito di leggere prima il racconto su Michael, il fratello di Ian, e la sorella di Marsali...ma sono troppo tentata di leggerlo subito *w*