domenica 15 dicembre 2013

Virgins: Luce delle stelle

"Ti aiuterò", disse Ian all'improvviso, in un tono serio fino al midollo.
"Aiutarmi ...?"
"Aiutarti ad uccidere questo capitano Randall."

Rimase in silenzio per un attimo, sentendosi stringere il cuore.
"Gesù, Ian," disse a voce molto bassa. Rimase assorto per parecchi minuti, gli occhi fissi sulle scure radici degli alberi che si trovavano vicino al suo viso.
"No ", disse alla fine. "Non puoi. Ho bisogno che tu faccia una cosa diversa per me, Ian. Voglio che tu torni a casa."
"Casa? Cosa..."
"Ho bisogno che tu ti prenda cura di Lallybroch...e di mia sorella. Io...io non ci posso tornare. Non ancora." Si morse forte il labbro inferiore.
"Hai già abbastanza fittavoli e amici là", protestò Ian. "Hai bisogno di me qui, ragazzo. Non ti lascerò qui da solo, aye? Quando tornerai, noi ci andremo insieme." E si girò nel suo plaid con aria di irrevocabilità.

Jamie giaceva con gli occhi chiusi, ignorando i canti e la conversazione vicino al fuoco, la bellezza del cielo notturno sopra di lui e il fastidioso dolore alla schiena. Forse avrebbe dovuto pregare per l'anima dell'ebreo morto, ma non ne aveva il tempo ora. Stava cercando di trovare suo padre.
L'anima di Brian Fraser doveva esistere ancora, ed era convinto che suo padre fosse in cielo. Ma sicuramente ci doveva essere un modo per raggiungerlo, per sentirlo. La prima volta che Jamie aveva lasciato la sua casa, per andare a vivere con Dougal a Beannachd, era stato solo e con nostalgia di casa, ma Papà gli aveva detto che sarebbe accaduto e di non farsi turbare troppo in proposito.
"Pensa a me, Jamie, e a Jenny e a Lallybroch. Tu non ci vedrai, ma saremo comunque qui a pensare a te. Guarda la notte e guarda le stelle, e sappi che anche noi le stiamo guardando."
Aprì di poco gli occhi, ma le stelle galleggiavano, la loro luminosità offuscata. Richiuse di nuovo gli occhi e sentì il tocco caldo di una singola lacrima giù lungo la tempia. Non poteva pensare a Jenny. O a Lallybroch. La nostalgia di casa da Dougal si n'era andata. L'estraneità di quando andò a Parigi aveva aiutato. Questa non se ne sarebbe andata, ma avrebbe dovuto continuare a vivere comunque.
Dove sei, Papà? Pensava con angoscia. Papà, mi dispiace!

3 commenti:

FreeScots Methos ha detto...

ç___ç avrei dovuto mettere un 'allerta lacrime'

tsukino ha detto...

sì, davvero. Questa novella è devastante *.*

timeless1987 ha detto...

è veramente emozionante, ogni parola ti entra dentro con potenza.