martedì 23 aprile 2013

MOBY: La vita è troppo breve...

Ama come puoi.

Lo guardai camminare risoluto tra la folla, alto e deciso, e mi domandavo -come spesso avevo fatto in passato- Sarà oggi? Sarà questa l'ultima immagine che ricorderò di lui? Rimasi immobile a guardarlo più intensamente che potevo.
Quando lo avevo perso la prima volta, prima di Culloden, me lo ero ricordato. Ogni momento della nostra ultima notte insieme. Piccole cose mi erano tornate in mente nel corso degli anni: il sapore del sale sulla sua tempia e la curva del suo cranio mentre gli cullavo la testa, i capelli sottili e morbidi alla base del collo forte e umido sotto le mie dita ... l'improvviso e magico fuoriuscire del suo sangue fresco quando gli avevo tagliato la mano e lo avevo marchiato per sempre come mio. Queste cose lo avevano legato a me.
E quando lo avevo perso in mare, questa volta, avevo ricordato la sensazione di lui accanto a me, caldo e solido nel mio letto, e il ritmo del suo respiro. La luce sulle ossa del suo volto al chiaro di luna e il colore della sua pelle all'alba. Potevo sentirlo respirare, quando ero a letto da sola nella mia stanza a Chestnut Street -lento, regolare, senza mai fermarsi- anche se sapevo che non c'era. Il suono mi conforava, poi mi faceva impazzire con la consapevolezza di averlo perso, così tiravo il duro cuscino sopra la testa in un inutile tentativo di chiuderlo fuori- solo per farlo emergere nella notte della stanza, densa di fumo di legna e candele e senza luce, ed essere confortata nel sentirlo ancora una volta.
Se questa volta ... ma lui si era girato, all'improvviso, come se avessi chiamato il suo nome. Venne in fretta da me, mi afferrò per le braccia e disse deciso a bassa voce: "Non sarà oggi, comunque."


 da Written in my own Heart's Blood

24 commenti:

tsukino ha detto...

*.* sono senza parole *.*

Anonimo ha detto...

bellissimo è troppo emozionante fate altre traduzioni così che andiamo avanti

Anonimo ha detto...

non è possibile fare qualcosa per accellerare l,emissione del nuovo libro magari facendo una petizione,un sollecito farle presente che è troppo lontana la stampa in italiano.rispondete

FreeScots Methos ha detto...

provvederemo ad incrementare la traduzione degli estratti ^___^ ...cercando di non fare spoiler e di sceglierne di 'interessanti' come questo -__^
Diana ne pubblica tantissimi, ma secondo me, quelli degli di nota sono pochini (altrimenti divulgherebbe il bello del libro già nelle anticipazioni) :/


la stampa italiana purtroppo non dipende dall'autrice, ma dalla casa editrice del paese in questione (Italia)...una volta uscito il libro in America potremmo organizzare qualcosa per chiedere alla Corbaccio di non farci attendere molto -__^

Anonimo ha detto...

grazie della risposta sono contenta e sono d'accordo con tè riguardo la cobaccio speriamo un prossimo pezzo.

Anonimo ha detto...

volevo scrivere corbaccio.

danaloo ha detto...

Mamma mia che emozione!!!..
Questo piccolo estratto non fa che accrescere smisuratamente la mia voflia di leggerlo al più presto...
Ma perchè dobbiamo soffrire così tanto???
Sono sempre di più in crisi di astinenza...;-))
Si, organizziamo una specie di petizione pro uscita accellerata del romanzo...

Anonimo ha detto...

sono contenta di poter condividere con qualc'uno la mia passione ,ma putroppo non conosco nessuno che mi possa dare delle nuove informazioni , ultimamente sono riuscita a comprare anche l,edizione in tea per non rovinare la serie rilegata della corbaccio. d,accordo per la petizione.

Leonie ha detto...

sonod accordo con danaloo leggendo questo estratto mi ha fatto venir voglia di leggere quanto prima l'intero libro è passata davvero un'eternità dall'ultimo libro

Anonimo ha detto...

voglio ringraziarvi per le cortesi risposte che mi date jamie è l'unico uomo dei miei sogni e io vivo con lui e claire.

tsukino ha detto...

Già che ci siamo, possiamo fare una petizione affinché non spezzino in due tutti i libri della Gabaldon? ( La divisione dell’ultimo Lord John uscito è stata scandalosa).
E visto che siamo in tema di Lord John, si hanno notizie dell’uscita di The Scottish prisoner in italiano? Questo è uscito, oramai da più di un anno!!!

Anonimo ha detto...

sono d'accordo nel non spezzare in due i libri si eviterebbe una spesa in più e l'attesa sarebbe meno lunga ok alla petizione.

Anonimo ha detto...

è molto bello...attendiamo trepidanti!!!!siiiiii alla petizione: di farlo uscire il prima possibile e di non dividerlo in due..capisco gli interessi commerciali che passano pure sui corpi delle persone,ma si saranno resi conto che chi ama la saga la seguirà sempre???!!!

lory ha detto...

..se anche lo dobbiamo dividere in tre che importa..l'importante che arrivi!!!! ;-))

FreeScots Methos ha detto...

nuuuooo!! in 3 nuooo! potrei morire nell'attesa dei vari capitoli dello stesso libro XD
per the scottish prisoner, so che in Spagna sto per uscire e spero che l'attesa qui in Italia sia abbastanza breve, ma per ora non ho trovato info .___.

Anonimo ha detto...

mai dividerlo in trè è già un problema in due credo che se noi sollecitiamo forse si muove qualcosa troppa attesa non va bene

tsukino ha detto...

@lory: importa a me e sopratutto al mio portafoglio ^.*

Anonimo ha detto...

hai ragione la spesa è troppa

lory ha detto...

...era tanto per dire!!! ;-))
Certo se pubblicassero la storia in un unico volume sarebbe moooto meglio!!!...
Purtroppo le scelte editoriali non dipendono da noi...

Anonimo ha detto...

solo per la gabaldon i libri sono dovisi in due ho letto libri di altri autori stranieri con più di 1500 pagine non divisi in due esempio ken foller è solo una manovra finanaziaria una speculazione alle spalle di chi come noi amano la saga di claire e jaime

lory ha detto...

..a questo riguardo potrei citare anche Jennifer Donnelly.
Ho appena letto un suo romanzo di quasi 900 pag. e il BUR della Austen!!!!
Certo ti fai i muscoli leggendolo...
;-))
Credo si tratti di strategia editoriale...insomma un modo per guadagnare di più!!!! :((

Anonimo ha detto...

è vero ma forse se ci mettiamo insieme possiamo cambiare strategia eitoriale

FreeScots Methos ha detto...

secondo me è dato dal fatto che ne escono pochi; voglio dire, di Diana ne escono meno rispetto ad esempio, a Follet e quindi le case editrici cercano di guadagnarci più che possono...con Follet vanno sulla 'quantità sfornata' mentre con Diana solo sulla possibilità di dividere un libro in più capitoli .____.

tsukino ha detto...

Sì, potrebbe essere una buona teoria, ma considera che un altro autore, Martin, di un’altra casa editrice, Mondadori, con una saga di successo, A Game of Thrones, subisce lo stesso trattamento (anzi peggio, visto che i suoi libri in italiano sono stati tradotti anche i 3 parti).
Sono poi dell’opinione che la serie della Gabaldon sia tra i titoli più venduti della Corbaccio.
Sarò cinica, ma secondo me, è solo un modo per fare guadagno sulla pelle di noi poveri lettori; quando un autore si rivela la loro Gallina dalle uova d’oro cercano di sfruttare il fenomeno :(