lunedì 25 luglio 2011

La botanica di Claire


[…]”non si tratta di fiori,ma di esemplari botanici.
E sei stato tu a suggerirmi di dedicarmi alla botanica per tenermi occupata
ora che non lavoro più come infermiera” gli ricordai
(La Straniera, Pag.16, Ed. Superpocket)

 


Claire si è sempre distinta per tutta al saga per la sua conoscenza della botanica e delle proprietà delle piante a fini medicinali.
Indimenticabile è il suo arrivo al Leoch e le sue premure per le ferite di un giovane, allora sconosciuto, Jamie. Per chi non ha proprio idea di che cosa lei parli in quei momenti e per chi la domanda “ma chissà com’è fatta questa pianta…” se l’è posta in più di un’occasione, ecco svelata qualche curiosità

Girardina (o Girardina Silvestre o Podagraria o Castalda)

Pianta perenne, con odore di finocchio e di prezzemolo; i fiori sono bianchi o rosati e fiorisce da Maggio ad Agosto. vive nei fossi, prati umidi, lungo le siepi, nei boschi e luoghi freschi e ombreggiati, dalla pianura fino al piano montano. Il nome del genere a cui appartiene deriva dal greco e significa piede di capra,ma nello specifico, la girardina prende il nome della sua capacità curative per la podagra (la gotta). Ha anche altre proprietà stimolanti, diuretiche, sedative e antireumatiche. In Italia la si trova con più frequenza nel Nord e nel Centro Italia e Campania.


Borragine (o Buglossa vera)

è una pianta annuale ricoperta di peli biancastri ed ispidi con fiori azzurri (raramente rosei) e fiorisce da Aprile ad Ottobre. si trova in tutta Italia; nei luoghi coltivati, negli incolti, nelle zone ruderali; cresce bene su qualsiasi tipo di terreno purché sia ben drenato ed in posizione soleggiate. Il nome Borragine può significare “io ti conforto il cuore e genero allegria” (gli antichi le attribuivano la capacità di allontanare la melanconia), ma anche dal latino burra “stoffa ruvida” (per le sue pelosità) o dall’arabo “abourash” che vuol dire letteralmente “padre del sudore”, con chiaro riferimento alle ben note proprietà antipiretiche. Ha anche proprietà benefiche per le affezioni delle vie respiratorie (bronchiti, tossi, ecc.) nei reumatismi e nelle malattie eruttive. L’infuso dei suoi fiori ha una modesta proprietà emolliente, tossifuga, espettorante come pure un irrilevante effetto diuretico e depurativo.

Amamelide:

è una pianta che cresce coste orientali dell'America del Nord. Può raggiunge i 6 metri di altezza e cresce ai margini delle foreste umide. Per la sua somiglianza con il nocciolo e per le sue proprietà curative, è chiamato anche nocciolo dello stregone (grazie all’attività degli stregoni indiani). E' un eccellente medicamento per le vene (vaso-costrittore); infatti, è efficace anche per la cura delle emorroidi e delle varici; stimola la formazione dell’epitelio migliorandone il microcircolo. è ottima anche come tonificante, astringente, cicatrizzante e schiarente. Inoltre sulla pelle, l’Amamelide, ha proprietà rinfrescanti e lenitive.


Fonte


by Methos

4 commenti:

utente anonimo ha detto...

Complimenti Meth per la nuova rubrica! la trovo molto interessante!
è sempre bello sapere cosa ci offre la natura...
BRAVA!
Arte

utente anonimo ha detto...

davvero bello e interessante. complimenti.
Sabrina

Sassenach ha detto...

grazie
pian piano cercherò di recuperare tutte le piante che vengono usate da Claire...così se ci capitasse di attraversare un cerchio di pietre e finire nel 700, sapremo come usarle
meglio essere preparate a tutto

Meth

utente anonimo ha detto...

Bravissima Meth!!! Complimenti per l'idea e per l'impegno!
Silval