martedì 24 ottobre 2017

Un cinese a Edimburgo

La produttrice di Outlander: “Sembrava una perdita” omettere Mr. Willoughby.
Nell’ultimo episodio di Outlander, lo show ha introdotto un personaggio controverso con Mr. Willoughby (vero nome Yi Tien Cho), un cinese che viaggia clandestinamente su una nave e arriva in Scozia. Quando arriva è quasi morto per la fame e non parla la lingua, ma Jamie, essendo l’uomo premuroso che è, aiuta Mr. Willoughby sfamandolo e vestendolo e aiutandolo a essere più accettabile per i locali cambiandogli il nome. Sembra che Yi Tien Cho suoni molto come una parola volgare in gaelico, così Jamie suggerisce che passi invece a Mr. Willoughby.
Mentre Voyager, il libro sui cui si basa la terza stagione, va avanti, Mr. Willoughby mostra di avere una grande conoscenza di molte pratiche e usi cinesi: calligrafia, addestramento di pellicani, agopuntura, e acrobazie. Lui è anche un po’ ubriacone e un feticista dei piedi.
Negli anni, i lettori del libro hanno avuto molte discussioni su come Mr. Willoughby sembri essere un insieme di vari stereotipi cinesi e fondamentalmente serve a due scopi: causare problemi a Jamie e curare il mal di mare di Jamie con l’agopuntura. È sufficiente per dire che Mr. Willoughby non è uno dei personaggi più approfonditi o tridimensionali nei libri, anche se le sue bizzarrie (e l’agopuntura) giocano un ruolo cruciale nella trama di Voyager da qui in poi.
È ovviamente una situazione difficile per gli scrittori dello show. Il produttore esecutivo Maril Davis mi ha detto al Summer TCA 2017 press tour che hanno preso in considerazione di omettere del tutto Mr. Willloughby.
“Ci sono state molte discussioni su Mr. Willoughby, perché io amo Mr. Willoughby, ma riconosco appieno che ci sono alcune cose molto offensive nei libri,” dice Davis. “Abbiamo parlato così spesso di come potevamo affrontarlo ed essere ancora capaci di includerlo? Perché non farlo sembra una perdita."
Alla fine, gli autori hanno deciso di “togliere alcune delle cose che [loro] trovavano incredibilmente offensive come “la sua ossessione per i piedi, il fatto che non parlasse bene inglese” e concentrarsi sul legame tra i personaggi.
“C’è più di un senso di rispetto tra Claire, Willoughby, e Jamie, che è un legame veramente unico,” spiega Davis. “Volevamo tenerlo dentro, ma togliere alcune di quelle cose perché ha una storia interessante. Volevamo essere fedeli al fatto che avrebbe potuto non essere ancora accettato in Scozia o tra la gente con cui viaggiava, perciò abbiamo voluto essere fedeli a questo e, se tutto va bene, mostrarlo in un modo che non sia gratuito e incredibilmente offensivo.”
Per parte dell’autrice Diana Gabaldon, lei ha dichiarato in un’intervista allo Scotland Sunday Herald all’inizio di quest’anno che Mr. Willoughby è ispirato alla storia di un immigrato cinese conosciuto come Mr. Hu, arrivato misteriosamente a Edimburgo a metà del 18° secolo.
“Nessuno sapeva come ci fosse arrivato – se aveva viaggiato da clandestino, era stato rapito o cosa. Lui non era in grado di parlare inglese – e non avrebbe mai parlato inglese dato che era traumatizzato dal fatto di essere in mezzo a questi stranieri barbari,” ha detto Gabaldon al giornale. “La gente si sentiva dispiaciuta per lui dato che era così strano e così isolato, e avrebbe voluto dargli del cibo e un posto dove dormire e dei vestiti e aiutarlo. Ma lui non era capace di costruire legami da nessuna parte e alla fine si ubriacò fino a morire.”
Gabaldon ha dichiarato che è stata questa “tragica storia” che ha ispirato Mr. Willoughby, perché questa le ha fatto pensare all’isolamento culturale e alla comprensione e così via.
E il produttore esecutivo Matthew B. Roberts ha detto a un gruppo di giornalisti sul set un anno fa che tutto si riduce a costruire la migliore storia possibile. “[la questione è] per i fan e la stampa e per la gente da discutere. Noi siamo sempre alla ricerca di una buona storia. Noi dobbiamo arrivare a ‘Questo è il miglior modo in cui possiamo farlo vedere e questo è il miglior modo in cui gli attori possono rappresentarlo’ e andare avanti con questo.”

0 commenti: