giovedì 21 agosto 2014

Diana parla di kilt, fascino e della sua schiera di fans


L'epico paesaggio scozzese, seducenti guerrieri delle Highland e un triangolo amoroso con una svolta che viaggia nel tempo...può significare solo Outlander.
La società di produzione americana Starz ha adattato il primo libro best-seller della serie di otto ed i paesi di tutto il mondo si stanno accaparrando i diritti.
Tutti tranne la Scozia, dove voci suggeriscono che i grandi capi televisivi aspetteranno fino a dopo il referendum per l'indipendenza, prima di acquistare la serie potenzialmente incendiaria.


Girato nelle Highlands, Outlander ha aumentato l'industria del turismo scozzese, generato una legione di fan adoranti e fatto schizzare vertiginosamente il sex appeal dei uomini in kilt.
Ma questo spettacolo storicamente ricco, che si svolge attorno alla rivolta giacobita, è stata scritta a Phoenix, Arizona, dall'americana Diana Gabaldon senza che avesse mai messo piede in Scozia.
Parliamo al telefono dalla sua casa dove è nel pieno della notte e lei si è sistemata nel suo studio, mentre il marito Doug, suo compagno da 42 anni, dorme nella porta accanto.
Le ore tra la mezzanotte e le 4:00 sono il suo momento referito per scrivere, ma in questi giorni Diana riceve chiamate da giornalisti in molti orari diversi.
Ma la sua vita prima che Outlander vendesse 25 milioni di copie in tutto il mondo e diventasse una produzione televisiva da 50.000.000 di sterline non sarebbe potuta essere più diversa.
Diana era una professoressa universitaria, con diversi compiti, un PHD, e tre bambini, che arrotondava lo stipendio scrivendo per riviste scientifiche.
"Sapevo da quando ero giovane che ero destinata a scrivere romanzi," dice. "Ma vengo da una famiglia molto conservatrice e mio padre mi diceva, non sei brava a giudicare le persone, finirai per sposare un barbone quindi sii sicura di avere una buona istruzione così da poter mantenere i tuoi figli.
"Quando ho compiuto 35 anni ho deciso di scrivere un libro per fare pratica
."

Prendendo spunto da una puntata del Dr Who, in cui c'era uno scozzese provniente dal 1745, Diana ha studiato a fondo l'argomentoe il risultato è stato Outlander.
"Mi ci sono voluti circa 18 mesi per finire il romanzo e con mia grande sorpresa ha venduto subito."
Un libro indescrivibile di un'autrice ignota, non è stato il successo di una notte.
"E' stato un processo molto graduale," dice. "Una crescita molto lenta di libro in libro, ma lo show televisivo ha scatenato un nuovo livello di visibilità."

Mentre la fama di Diana è in cresciuta, sta imparando come gestire la crescente domanda da parte dei media e dei social media, dove gli appassionati hanno lunghi dibattiti sul come si pronuncia, ad esempio, 'plaid'.
Tanto che Sam Heughan e Caitriona Balfe, le giovani stars della produzione televisiva, hanno chiesto a Diana un consiglio.
Sarà sempre diverso per loro, dice: "Per fortuna entrambi sono abbastanza professionali da cavarsela."
Quando l'ottavo libro della serie è uscito nel mese di giugno, Diana ha intrapreso un tour negli Stati Uniti e nel Canada, prima della premiere dello show a San Diego.
"Mi sento come se fossi stata in fuga per tutta l'estate e sì, mi manca la mia vita normale," dice.
"Mi manca mio marito. Lui rimane a casa e riesco a vederlo una volta alla settimana durante la mia toccata-e-fuga per prendere la biancheria pulita."

Questa settimana è arrivata in Scozia per il Festival del libro di Edimburgo, ma almeno Doug ha avuto modo di accompagnarla.
E' anche l'occasione per incontrare la loro figlia più giovane Jenny, 28 anni, che dopo aver sposato uno scozzese, vive a Edimburgo.

E' stata anche lei ,come milioni di altre donne, sedotta dal Jamie Fraser di Outlander?
"No, nessuno dei miei figli ha letto i miei libri", dice Diana.
"Come dice il mio primogenito, che è un infermiere di sala operatoria, 'perché dovrei leggere delle scene di sesso scritte da mia madre'.
"Ma sanno che Jamie Fraser assomiglia molto al loro padre che è molto alto e ha i capelli rossi
."

Ora Outlander ha dato una spinta al turismo in Scozia, con visite a luoghi chiave della storia di Claire Randall, un'infermiera del dopoguerra e del suo viaggio nel tempo nel 1700 attraverso le pietre.
"Sono entusiasta che stia funzionando così bene e sono felice di essere stata di qualche beneficio per la Scozia perché è stata sicuramente buona con me ed è bello poter dare qualcosa in cambio", dice Diana.
"Siamo alla ricerca di un distributore televisivo nel Regno Unito che acquisti lo show, perché non mi sembra giusto che il Regno Unito non possa vederlo quando in realtà è stato creato lì.
"I diritti internazionali appartengono alla Sony Corporation e capisco che lle trattative siano in corso
."

Notoriamente generosa con il suo tempo verso i suoi fan, all'inizio di questa settimana, ad una cena organizzata dal gruppo di fan inglesi, Diana ha posato per delle foto con un cartonato a grandezza naturale di Jamie Fraser che sovrastava l'autrice.
Poi ha ricordato di quando un giornalista tedesco le aveva chiesto cosa l'attraesse in un uomo in kilt.
"Suppongo che sia l'idea di poter finire contro un muro con lui in un minuto," ride, aggiungendo: "E un uomo in kilt sarà sempre più attraente di chiunque altro con i pantaloni."

0 commenti: