mercoledì 30 aprile 2014

Intervista a Diana sulla NBC12 Arizona

Giornalista in studio:
Parlando di scrittori, ne abbiamo una con noi stasera. Diana Gabaldon, la numero uno nella lista degli autori di best seller del New York Times; ha venduto 20 milioni di copie dei suoi libri in tutto il mondo. Romanzi pieni di storia, avventura e romanticismo. Trisha ha preparato un'intervista esclusiva con lei, nella sua casa di Scottsdale, Arizona.

DG: Sapevo da quando avevo 8 anni che sarei stata una scrittrice. A quell'età mi sono resa conto che i libri sono scritti dalle persone, non li prendono già fatti dagli scaffali delle librerie come quando si compra la carta igienica al supermercato.

Reporter: La pluripremiata autrice, Diana Gabaldon, ci racconta la sua carriera di successi.
DG: Fortunatamente sono nata con un dono, sono capace di raccontare storie. Ma sapevo anche che non era un'attività finanziariamente stabile, così ho iniziato a studiare scienze.
Reporter: Dopo aver lavorato presso la University of Arizona come scienziata per 12 anni, dove ha dato vita ad una rivista accademica, ha iniziato a scrivere romanzi.

DG: avevo 35 anni allora e mi sono detta: Beh, sai che Mozart morì a 36 anni? Se vuoi scrivere un libro, è meglio iniziare ora, per ogni evenienza.
Reporter: Ma farsi pubblicare prende un sacco di dedizione e tempo...
DG: Serve un sacco di lavoro per portare un libro dalla propria immaginazione sulla carta e in un modo che possa essere in grado di entrare nella fantasia degli altri. Tutti danno per scontato che dato che sei uno scrittore, premi un pulsante e inizi a scrivere a profusione. Non è così che funziona. La maggior parte del tempo, è come spingere i salita delle rocce con la punta del naso.
Reporter: Con l'aiuto di molte arachidi e Diet Coke, di solito scrive durante le ore in cui la maggior parte delle persone dormono  E ci vogliono 3-4 anni per scrivere ogni libro.
DG: I libri hanno tra le 350.000 e le 500.000 parole.
Reporter: Dal 1991, con la pubblicazione del libro "Outlander" (La Straniera), ha scritto altri sei libri, quotati tra i bestseller del New York Times. I suoi libri vengono venduti come romanzi storici, romantici, mistery, d'avventura e di fantascienza. Quello che sta per uscire è l'ottavo capitolo dei suoi libri, "Written in My Own Heart's Blood", il 10 giugno (in America) e ci sarà una serie TV basata sui suoi libri.

DG: Sì, è incredibile, ne sono davvero entusiasta!
Reporter: Recentemente ha avuto l'opportunità di incontrare gli attori sul set durante le riprese in Scozia.
DG: In qualche modo, sto cercando di capire cosa significa essere "famosi".
Repoter: Perché ora centinaia di migliaia di persone sono affascinate dal suo lavoro e l'apprezzano così tanto da inviarle regali e seguirla su Facebook e Twitter. A lei non dà fastidio. Dopo tutto la scrittura è la sua passione e le piace notevolmente l'emozione nel crearli.
DG: Non c'è alcuna sensazione che possa essere messa a confronto.

Reporter: La serie di Diana Gabaldon è stata pubblicata in 23 paesi e in 23 lingue ed ha anche scritto una 'serie spin off' della serie principale in cui si vede uno dei personaggi della saga Outlander.

0 commenti: