martedì 25 febbraio 2014

MOBY: Preoccupazione fraterna

John Grey mise i piedi malconci nella bacinella, con i denti stretti per la sensazione che si aspettava di provare, ma con sua grande sorpresa, scoprì che gli causavano poco dolore nonostante la pelle lacerata e vesciche aperte.
"Cosa...questa non è acqua bollente, vero?" Chiese sporgendosi in avanti per guardare.
"Olio dolce", disse il fratello, il viso tirato un po' più disteso. "Ed è meglio che sia caldo, non bollente, o il mio assistente verrà crocifisso all'alba."

"Sono sicuro che l'uomo starà tremando nei suoi stivali. Grazie, a proposito", aggiunse cautamente. Era seduto sul lettino di Hal, il fratello appollaiato sulla cassapanca coordinata, versando qualcosa da una fiaschetta in una delle tazze di peltro rovinate che lo avevano accompagnato per decenni.
"Sei il benvenuto", dichiarò Hal porgendogli la coppa. "Cosa diavolo è successo al tuo occhio? E il braccio, è rotto? Ho chiamato un medio, ma potrà volerci un po' di tempo," Agitò una mano, che comprese il campo, la recente battaglia e il flusso di feriti che tornavano.
"Non ne ho bisogno. Credo che il braccio sia solo contuso. Mentre per l'occhio... Jamie Fraser."


0 commenti: