domenica 22 dicembre 2013

MOBY: 2 estratti

Stavolta vi osto 2 estratti invece di uno tratti dal prossimo libro Written in my own Heart's Blood

Lungimiranza, una prospettiva unica


Nonostante tutti i discorsi e le prospettive preoccupanti riguardo al futuro immediato, Jamie si trovò a prestare più attenzione al volto di Washington che a ciò che diceva, valutando come l'uomo parlava e si comportava, in modo da poterlo dire a Claire. Avrebbe voluto poterlo dire a Brianna, lei e Roger Mac avevano spesso immaginato come sarebbe stato incontrare qualcuno come Washington - avendo lui stesso incontrato un certo numero di personaggi famosi, le aveva detto che l'esperienza si era dimostrata una delusione.
Doveva ammettere che Washington sapeva ciò che faceva; ascoltava più che parlare e quando parlava, andava dritto al punto. All'esterno vantava un'aria di rilassata autorità anche se era evidente che l'attuale prospettiva lo eccitava parecchio. Il suo viso era butterato e tutt'altro che bello, ma aveva molta dignità e presenza.
La sua espressione divenne molto animata e arrivò persino a ridere di tanto in tanto, mostrando dei brutti denti macchiati. Jamie ne era affascinato; Brianna gli aveva detto che erano falsi, di legno o osso di ippopotamo e gli venne l'improvviso ricordo di suo nonno, la vecchia volpe aveva una protesi realizzata in legno di faggio. Jamie l'aveva gettata nel fuoco durante una lite a Beaufort Castle - e solo per un momento, lui era là, annusando l'odore della torba e dellao carne arrosto di cervo, ogni pelo del suo corpo dritto in un brivido di allarme, circondato da parenti che avrebbero potuto ucciderlo.
E altrettanto improvvisamente tornò al presente, schiacciato tra Lee e il vecchio Dan, con l'odore di sudore e di euforia e a suo malgrado, sentendo una crescente eccitazione iniziare a penetrare nel suo sangue.
La cosa gli diede una strana sensazione alla bocca dello stomaco, stare seduto a poca distanza da un uomo che non conosceva affatto, ma di cui sapeva forse di più di quanto l'uomo stesso sapesse.
Era vero, era stato seduto con Charles Stuart per molte sere, sapendo - e credenfo - ciò che Claire aveva detto gli sarebbe accaduto. Ma ancora...Gesù Cristo aveva detto a San Tommaso "Benedetti saranno coloro che pure non avendo visto crederanno." Jamie si chiese come definire chi ha davvero visto e sono obbligati a vivere con la consapevolezza della conoscenza. Pensò che "benedetto" non fosse proprio la parola giusta.

Rivelazioni

"Ma gli uomini....loro non...?"
"Beh, sì, lo fanno" dissi "E lo trovano anche molto piacevole. Tuttavia, un pene è anche estremamente funzionale. Tu, ehm...lo sai come funziona...? Riferito al sesso?"
"Denzell non mi permette di toccare il suo membro nudo e non vedo l'ora di vederlo a mio piacimento, non solo di sottecchi quando lui, beh, lo sai." I suoi occhi brillavano al solo pensiero. "Ma so com è fatto attraverso i suoi calzoni. Sono rimasto sorpresa la prima volta che è diventato rigido sotto la mia mano! Comunque come lo fa?"
Spiegai il concetto di pressione idrostatica nel modo più semplice possibile, solo per vedere cosa ne sarebbe derivato. Mi schiarii la gola e mi misi in ginocchio.
"Devo esaminare la signora Peabody per degli eventuali segni del parto. E dobbiamo essere rispettosi della sua privacy per quanto possibile in condizioni simili (per Dottie che sbuffò forte), dal momento che mi stai assistendo qui, non c'è alcun motivo per cui tu non debba osservare quello che sto facendo e ti spiegherò cosa andremo a fare. Come lecose...vanno".
Lei canticchiava con interesse, mentre svelai cautamente le parti basse della signora Peabody, che erano una fitta boscaglia, ma ancora identificabile, molto identificabile...come femminile.
"Quando la cervice, che è l'apertura al grembo materno, quando comincia ad aprirsi in modo che il bambino possa venire fuori, spesso viene rilasciato un po' di sangue e di muco, ma è del tutto innocuo. Non ne vedo alcun segno ancora, però." Questo mi rincuorava.
"Oh," disse Dottie, piuttosto debolmente. Si chinò interessata sopra la mia spalla mentre inserivo accuratamente la mia mano appena lavata. "Oh!" Disse lei, in tono di estrema rivelazione. "E' lì che va!"
"Beh, sì, esatto" dissi, cercando di non ridere...e fallendo. "Denzell te l'avrebbe detto, credo. Glel'hai chiesto?"

1 commenti:

tsukino ha detto...

io adoro Claire ♥

mi sembra di capire che sarà Dottie la sua pupilla!