lunedì 5 novembre 2012

Estratto WimoHB: vediamo cosa sta combinando Jem..

Stava arrivando al termine del tunnel.
Jem riusciva a capirlo dal modo in cui l'aria premeva contro il suo viso. Tutto quello che riusciva a  vedere era la piccola luce rossa sul cruscotto del vagone - si chiamerà cruscotto anche in un treno? pensò. Non voleva fermarsi perchè ciò equivaleva a dover scendere dal vagone, nel buio. 
Ma il treno stava arrivando alla fine del tracciato e ormai non c'era altro da fare.
Tirò un pò la leva e fece sì che il vagone rallentasse. Sempre di più, fino a che la leva si incastrò in un piccolo slot ed il treno si fermò di scatto, tanto che lui dovette aggrapparsi all'estremità della carrozza.
Il motore di un treno elettrico non faceva rumore, ma le ruote che si muovevano sul tracciato si, producendo tanti suoni mentre giravano. Appena il treno si fermò cessò anche il rumore. 
Era tutto molto silenzioso.
"Hey!" gridò a voce alta, perchè non voleva udire il battito del suo stesso cuore. Il suono riecheggiò e lui guardò in alto stupito. La mamma aveva detto che il tunnel era molto alto, più di trenta piedi, ma lui se ne era dimenticato. L'idea che ci fosse tutto quello spazio sospeso sopra di lui, che lui non poteva vedere, lo preoccupava. Deglutì e uscì dal piccolo treno, tenendosi ad esso aggrappato con una mano.
"Hey!" gridò al soffitto invisibile. "C'è qualche pipistrello lassù?"
Silenzio. Era quasi arrivato a sperare che ci fossero pipistrelli. Non ne aveva paura - ce n'erano anche nella vecchia torre e gli piaceva sedersi per osservarli mentre uscivano per cacciare durante le sere d'estate. 
Ma ora era solo. Sempre escludendo il buio.
Le sue mani erano sudate. Lasciò la cabina e le pulì sui jeans. Adesso riusciva anche a sentire il suo respiro. "Maledizione" sussurrò. Lo faceva sentire meglio, così lo ripeté. 
Forse sarebbe stato meglio pregare, ma in quel momento non ci riusciva.
C'era una porta, aveva detto la mamma. Alla fine del tunnel. Portava in una stanza di servizio, dove le grandi turbine potevano essere sollevate qualora avessero necessitato di riparazioni. Sarebbe stata chiusa?
Improvvisamente realizzò di essersi allontanato dal treno e di non sapere se si stava dirigendo verso la fine del tunnel o dalla stessa parte da cui era giunto. 
Nel panico iniziò a vagare con le braccia stese, cercando il treno. Inciampò sul tracciato e si ritrovò steso per terra. Rimase lì per qualche secondo mormorando "Maledizione, maledizione, maledizione!" perchè si era sbucciato entrambe le ginocchia ed i palmi delle mani, ma per il resto era ok ed era riuscito a ritrovare il tracciato. Poteva seguirlo senza perdersi.

da Written in my own Heart's Blood

0 commenti: